Cooperare Sicuri, Inail e Coop Form insieme per la prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici nelle imprese cooperative umbre

Primo progetto a livello nazionale fra Inail e Coop Form

Cooperare Sicuri Inail Coop Form insieme prevenzione disturbi muscolari

Cooperare Sicuri, Inail e Coop Form insieme per la prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici nelle imprese cooperative umbre

Inail Umbria e Coop Form Umbria, Ente Bilaterale Formazione Ambiente promosso da Legacoop, Agci, Confcooperative, Cgil, Cisl e Uil, uniscono le forze e danno vita a un innovativo progetto sperimentale per contrastare infortuni e malattie professionali. Un progetto unico a livello nazionale che ha l’obiettivo di diventare un modello che possa essere applicato a tutte le professioni.


Fonte: Cooperare Sicuri / Mirko Loche


Con il claim “La sicurezza e la prevenzione ci stanno a cuore” Inail Umbria rappresentata dalla direttrice Dott.ssa Alessandra Ligi e Coop Form dal Presidente Andrea Radicchi hanno presentato, questa mattina, presso la sede di Coop Form a Perugia, il progetto Cooperare Sicuri volto a sviluppare una cultura della sicurezza sul lavoro, attraverso la realizzazione di attività e progetti che possano ridurre gli eventi infortunistici e le malattie professionali.

Tre le cooperative coinvolte Servizi Associati, CospTecno Service e Ducops Service che con i propri lavoratori sperimenteranno nuovi approcci per l’adozione di più efficaci modelli di gestione della sicurezza.

La prima fase operativa del progetto, vedrà il coinvolgimento di un campione di oltre 200 lavoratori che svolgono la propria attività lavorativa nei settori della logistica, facchinaggio, ecologia e servizi al fine di rilevare le modalità in cui vengono eseguite le operazioni, con l’obiettivo di individuare le aree di miglioramento da proporre nelle successive azioni formative.

“Da gennaio 2022 – afferma Andrea Radicchi Presidente di CoopForm – il progetto entrerà nella fase esecutiva attraverso un’attività di formazione finalizzata alla promozione di buone pratiche di prevenzione e di paradigmi comportamentali da adottare per evitare l’insorgenza di patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico dei lavoratori. Il progetto sperimentale ed innovativo punta sul fattore umano che nel mondo della cooperazione ha un peso e un ruolo fondamentale.”

Alessandra Ligi, Direttore regionale Inail Umbria, sottolinea che “l’avvio della fase formativa sperimentale del progetto vede la sinergia professionale tra Inail e sistema cooperative affrontare i temi collegati ai rischi e alla prevenzione dei principali disturbi e tecnopatie che colpiscono i lavoratori del comparto. In un sistema produttivo oggi in fase di rilancio risulta pertanto opportuno intervenire con incisività per contribuire ad elevare il sistema complessivo di protezione e sicurezza”.

Le cooperative coinvolte Servizi Associati, Cosp Tecno Service e Ducops hanno sottolineato, durante la conferenza stampa, che la cultura della sicurezza non è solo tutela della salute ma anche cultura della formazione; organizzazione aziendale, pianificazione di strategie e interventi per garantire ambienti di lavoro sani e sicuri. ”Il tema della prevenzione – continuano i Presidenti – all’interno delle nostre cooperative, coinvolge più figure: a fianco del datore di lavoro e dei lavoratori: ci sono il RLS(rappresentante dei lavoratori per la sicurezza), l’RSPP(responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi) ed il medico competente, ciascuno con i propri compiti e responsabilità.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Sergio Filippi consigliere delegato di Aris Formazione e Ricerca, partner tecnico operativo del progetto e gli RSPP delle tre cooperative.

“Sulla base dei risultati ottenuti – conclude Andrea Radicchi – l’approccio sperimentato potrà essere successivamente trasferito anche ad altre cooperative ed esportato eventualmente ad altri settori produttivi, a cominciare da quelli che prevedono la gestione dei servizi di assistenza alla persona”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*