Weekend con l’inganno, sabato quasi da piena estate, domenica forti temporali e pure grandine

Weekend con l’inganno, sabato quasi da piena estate, domenica forti temporali e pure grandine

da ilmeteo.it
Dopo un venerdì all’insegna di una discreta stabilità atmosferica, prepariamoci a vivere un weekend ingannevole, che vedrà un sabato illusorio, praticamente da piena estate su molte zone d’Italia, a cui tuttavia farà seguito una domenica durante la quale alcuni angoli del Paese dovranno fare i conti con l’arrivo di forti temporali e locali grandinate. Al momento l’area mediterranea è interessata da un campo di alta pressione che mantiene condizioni meteo abbastanza stabili, a tratti anche calde al Sud e sulle due Isole maggiori.

Più a nord del nostro Paese troviamo invece un profondo vortice ciclonico con centro motore poco ad ovest del Regno Unito. Sarà proprio quest’ultimo, nella seconda parte del weekend, a condizionare parzialmente il tempo sul nostro Paese. Il suo spostamento verso sud, se da un lato richiamerà venti molto caldi in risalita dal nord Africa, dall’altro sospingerà verso l’Italia una veloce, ma insidiosa perturbazione carica di piogge, temporali e grandine.

Ma andiamo con ordine e vediamo cosa ci aspetta per le giornate di sabato 25 e domenica 26 settembre. L’inizio del weekend mostrerà uno scenario caldo stabile grazie a masse d’aria in arrivo direttamente dal cuore del continente africano, le quali forniranno una buona dose di energia all’alta pressione e garantiranno così un sabato pieno di sole e con temperature in ulteriore crescita un po’ ovunque, soprattutto al Sud e sulla Sardegna su queste zone si registreranno valori fortemente sopra media e il contesto meteorologico sarà davvero da piena estate.

Già tra il tardo pomeriggio e la serata si noteranno tuttavia i primi segnali di un peggioramento delle condizioni atmosferiche, ad iniziare dal Nordovest, dove il cielo tenderà a coprirsi, provocando anche qualche goccia di pioggia in Piemonte.

Sarà questo il preludio a una domenica che, già dalle prime luci del giorno, seppur non per tutti, mostrerà un contesto decisamente diverso rispetto alle precedenti 24 ore. Sotto osservazione saranno le regioni del Nord, in particolare quelle di Nordovest, avvolte da nubi minacciose in grado di provocare rovesci sparsi e qualche temporale, specie sulla Valle d’AostaLiguria di centro-levante, sul Piemonte, fino ai comparti più occidentali della Lombardia.

La perturbazione continuerà poi ad estendere il suo raggio d’azione verso Est, provocando, nella seconda fase del giorno, fenomeni temporaleschi e locali grandinate anche sul resto della Lombardia, su alcuni tratti dell’Emilia Romagna e, tra il tardo pomeriggio e la serata, su molte zone del Triveneto, specialmente a ridosso dei rilievi. Nel contempo, nel corso della serata, la situazione andrà rapidamente migliorando sulle regioni nord-occidentali.

Avremo invece un’altra fetta del Paese che continuerà a vivere uno scenario meteorologico ancora stabile e caldo. Ci riferiamo ovviamente al Sud e a gran parte del Centro. Qui gli unici veri disturbi saranno da attribuire a qualche possibile focolaio temporalesco pomeridiano sull’area centro-settentrionale della Toscana. Su questo settore del nostro Paese continueremo inoltre a vivere un contesto termico piuttosto caldo per la stagione, mentre sulle regioni settentrionali, stante un meteo instabile, le temperature saranno costrette a scendere di qualche grado.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*