Squarta: «Oggi risultato storico per valorizzare il Trasimeno»

 
Chiama o scrivi in redazione


Sicurezza, Marco Squarta: "Subito una Rems in Umbria"

Squarta: «Oggi risultato storico per valorizzare il Trasimeno»

Umbria, approvata all’unanimità in Consiglio regionale la mozione bipartisan per ‘salvare’ il lago

«Il Consiglio regionale dell’Umbria ha appena approvato all’unanimità una mozione bipartisan per risanare e valorizzare il lago Trasimeno. E’ da considerarsi a tutti gli effetti un risultato storico considerato che non era mai accaduto prima che forze diverse come Fratelli d’Italia, Lega e Partito democratico, accantonando le distinzioni politiche, avanzassero insieme proposte per il raggiungimento di un obiettivo comune come può essere il futuro del lago Trasimeno, importante per l’Umbria dal punto di vista turistico, economico e occupazionale.

L’atto dedicato all’adozione urgente delle misure indispensabili per risanare e valorizzare il lago Trasimeno’, porta la mia firma insieme a quella di rappresentanti del centrodestra e del centrosinistra tra cui Eugenio Rondini, Simona Meloni Andrea Fora, e rappresenta un impegno nei confronti della Giunta Tesei ad intraprendere azioni per risolvere gli annosi problemi del quarto lago d’Italia e rilanciarlo sotto ogni punto di vista». Così in una nota il presidente del Consiglio regionale Marco Squarta.


L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha approvato all’unanimità una mozione bipartisan per la “adozione urgente delle misure indispensabili per risanare e valorizzare il lago Trasimeno, anche attraverso l’utilizzo delle risorse previste dal Recovery Fund”, a firma di Eugenio Rondini (Lega), Marco Squarta (FdI-presidente Assemblea legislativa), Simona Meloni (Pd-vice presidente Assemblea legislativa) e Andrea Fora (Patto civico per l’Umbria). Illustrando l’atto in Aula, EUGENIO RONDINI ha spiegato che la mozione invita la Giunta ad “attivarsi presso il Parlamento e il Governo nazionale per sollecitare l’adozione urgente di misure indispensabili a consentire le attività di risanamento e valorizzazione del bacino imbrifero del lago Trasimeno quali: la definizione e la realizzazione dei necessari interventi strutturali volti a stabilizzare definitivamente il livello del lago, in particolare attraverso l’ampliamento del bacino imbrifero, il completamento delle opere di adduzione dal fiume Chiascio e la valutazione della compatibilità dell’immissione diretta delle acque della diga di Montedoglio; la manutenzione delle aree spondali demaniali; l’approfondimento dei fondali e la manutenzione delle rotte di navigazione; il recupero del degrado strutturale delle darsene e degli approdi e l’adeguamento dei bassi livelli; la manutenzione e gestione dei corsi d’acqua, delle opere idrauliche di terza categoria e della linea navigabile; l’intercettazione del trasporto solido e la rimozione dei conoidi; la lotta ai chironomidi”. “È la prima volta – ha aggiunto – che maggioranza ed opposizione presentano atti bipartisan per risolvere i problemi del Lago. Il Trasimeno è una delle principali attrattive turistiche dell’Umbria perciò la sua tutela rappresenta, a tutti gli effetti, un fattore di sviluppo dell’economia regionale e dell’occupazione. Per il bene dell’Umbria abbiamo accantonato le distinzioni politiche, decidendo di remare tutti dalla stessa parte per raggiungere questo importante obiettivo. Un grande lavoro spetta prima ai sindaci a all’Unione dei Comuni, ma serve il contributo di tutti e l’interessamento della Giunta regionale è stato immediato come dimostra l’impegno degli assessori Morroni e Melasecche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*