Novelli, Paparelli, attenzione massima per completare percorso, incontro al ministero

Paparelli, attenzione massima per completare  percorso, incontro al ministero

di Martina Rastelli
Paparelli, attenzione massima per completare  percorso, incontro al ministero.
 Il vicepresidente della Regione Umbria afferma che “La Regione Umbria riconferma massima attenzione sull’evoluzione della gestione della vicenda e sui risultati dell’avviso pubblico. Quest’ultimo ha visto assegnati in affitto di azienda attività come la pastorizzazione, il mangimificio ed  il “petfood”. Alla riunione convocata a Roma, presso il Ministero della Sviluppo economico ed hanno partecipato i rappresentanti della Regione, degli Enti Locali, delle Organizzazioni sindacali, i curatori fallimentari di Alimenti Italiani srl ed il curatore fallimentare di Gruppo Novelli.

Vicenda che lascia aperte ancora le questioni relative al futuro

Il vice presidente Paparelli ha affermato che “Si tratta di una vicenda che lascia aperte ancora le questioni relative al futuro. Si dovrà procedere molto rapidamente per inserire tutti gli strumenti possibili nell’ambito della procedura fallimentare al fine di assicurare continuità industriale agli altri rami di azienda”.

LEGGI ANCHE: Marini e Paparelli, trasversalità a sostegno del turismo umbro

“Noi pensiamo che  l’interesse di investitori su questi rami d’azienda non sia stato alimentato a causa della complessa situazione legata alla compresenza di due procedure concorsuali .  L’attenzione di tutti i possibili soggetti industriali potrebbe essere facilitata da un unione istituzionale e procedurale”.

Paparelli ha aggiunto che “un altro tema rilevante è quello della necessaria attenzione che procedure e istituzioni dovranno dare alla gestione delle attività già assegnate. Particolare attenzione va alla gestione del ramo uova in quanto le attività del pastorizzatore, se non integrate con importanti aziende agricole, mettono a rischio una realtà con importanti livelli di occupazione.”

Paparelli ha concluso “Un’attenzione particolare  è legata alla necessità di scongiurare qualsiasi rischio di operazioni che non abbiano come fine lo sviluppo industriale, così come condiviso con istituzioni e organizzazioni sindacali nella riunione precedente”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*