Gemellaggio Assisi-San Francisco, una delegazione a Palazzo Donini

Gemellaggio Assisi-San Francisco, una delegazione a Palazzo Donini

“Il cinquantesimo anniversario del gemellaggio di Assisi con la città di San Francisco e la visita della delegazione che accogliamo oggi a Palazzo Donini, costituiscono l’occasione per rinsaldare un rapporto ormai storico, ma anche per gettare nuove basi e creare opportunità non solo sul versante turistico, ma anche per favorire l’internazionalizzare della nostra regione sul versante economico”: lo ha detto il presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, ricevendo stamani nella sede della Giunta regionale di Palazzo Donini, la delegazione della città di San Francisco in visita in Umbria, su invito del Comune di Assisi, per le celebrazioni organizzate in occasione del cinquantesimo anniversario siglato tra il Comune di Assisi e la città di San Francisco.

All’incontro oltre al presidente Paparelli, al supervisor di San Francisco, Catherine Stefani e al vicesindaco della città, Angela Alioto – figlia del sindaco di San Francisco che nel ‘69 ha siglato l’accordo di gemellaggio con Assisi – sono intervenuti il sindaco di Assisi, Stefania Proietti e il prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia.

“Siamo qui oggi – ha detto il sindaco di Assisi – nel ricordo di quell’atto firmato 50 anni fa con grande lungimiranza e per suggellare questo rapporto dandogli un nuovo slancio finalizzato a creare opportunità e nuove relazioni”.

Il prefetto di Perugia evidenziando il fatto che in Umbria è molto alta la presenza di turisti americani, ha posto l’accento sul tema della sicurezza dei luoghi maggiormente frequentati per la quale c’è, da parte degli organi preposti, la massima vigilanza e attenzione.

La delegazione di San Francisco in particolare la vicesindaco Alioto ha ricordato che “queste giornate sono state bellissime e hanno permesso di rinforzare i rapporti e tutte le iniziative che di scambio economico e culturale tra le due città. In questa direzione vogliamo andare e, per questo, è bello oggi essere qui”.

Commenta per primo

Rispondi