🔴VIDEO Di Maio a Perugia, a giorni ddl stop nomine politiche sanità

Di Maio a Perugia, a giorni ddl stop nomine politiche sanità

Di Maio a Perugia, a giorni ddl stop nomine politiche sanità

Giardini Moretti di Viale Indipendenza pieni di gente. I tanti sono arrivati a Perugia per vedere, parlare e stringere la mano al ministro Luigi Di Maio. Dopo la visita in ospedale e poi ad Assisi, accompagnato da altri ministri si è recato a perugia, dove ad attenderlo c’erano altri esponenti del M5s, da Laura Agea a Tiziana Ciprini, ai consiglieri regionali Liberati e Carbonari, poi Stefano Lucidi.

“Con il reddito di cittadinanza e quota 100 non abbiamo risolto tutti i problemi, c’è tanto da fare. Ogni volta che mi vedete dire che l’esperienza di governo deve andare avanti, è perché abbiamo le idee chiare su quello che dobbiamo fare”. E’ quanto ha detto Luigi Di Maio parlando in piazza. “Serve assolutamente ribadire all’Europa che la redistribuzione dei migranti va fatta. E’ bello fare i sovranisti con le frontiere degli italiani, come fanno nei Paesi dell’Est”.

E poi ancore il leader M5S sottolinea: io non sono il ministro dell’Interno ma lo dico al ministro dell’ Interno: i rimpatri vanno fatti perché erano stati promessi”.

“Io non sono qui per parlare di elezioni ma per dirvi che dalla prossima settimana deve partire l’iter della legge che toglie ai politici regionali la possibilità di nominare i vertici della sanità e che prevede che in tutti i concorsi le tracce siano estratte a sorte il giorno stesso”. Prima di salire sul palco il leader del M5S aveva sottolineato in merito alla proposta di legge: “chiediamo a tutto il Parlamento di votare questa legge, anche a questo nuovo Pd”.

Ed infine: “La nostra presenza nel governo serve anche ad arginare alcuni atteggiamenti che non considero accettabili. Perché, va bene la legittima difesa, ma poi se qualcuno vuole una legge per far proliferare le armi, quella cosa va fermata e lo abbiamo fatto. Così come sull’autonomia, è giusto darla, non bisogna spaccare l’Italia in due o in tre. Noi saremo sempre baluardo di coesione nazionale”.

Commenta per primo

Rispondi