Approvato nuovo prezzario 2021, Melasecche: “Promessa mantenuta”

Canoni alloggi edilizia pubblica, non sopra il 10% anche nel 2022.Melasecche “scelta in favore delle famiglie"

Approvato nuovo prezzario 2021, Melasecche: “Promessa mantenuta”

La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore regionale ai lavori pubblici, Enrico Melasecche, ha approvato l’Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche”, – edizione 2021 e l’Elenco regionale dei costi per la sicurezza – edizione 2021.


Fonte Ufficio Stampa
Agenzia Umbria Notizie


“E’ stato un lavoro incessante quello della Commissione tecnica regionale (costituita da professionisti e rappresentanti delle imprese del settore) – ha affermato l’assessore -, che ha riscontrato con rigore scientifico, i dati ufficiali reperiti presso i principali fornitori del territorio regionale e nazionale, rilevando gli aumenti significativi di numerose materie prime (in primis acciaio, calcestruzzo, bitume, legname ed isolanti). Per la prima volta si è proceduto all’adeguamento dell’elenco prezzi su rilevamenti in tempo reale; stessa procedura verrà adottata in caso di riduzione dei prezzi al termine del superbonus.

Sono importanti anche le riforme apportate alla Legge regionale 1/2015 che semplificano in maniera puntuale molteplici procedimenti amministrativi. E’ un provvedimento insomma che sarà utile per il rilancio del settore delle costruzioni.

Sono convinto – ha concluso Melasecche – che questo lavoro dei nostri uffici, preso ad esempio spesso da altre Regioni, rappresenti la risposta concreta dell’amministrazione regionale alla problematica del “caro materiali” per garantire qualità al giusto prezzo in un settore che per troppi anni è stato martoriato da una crisi strutturale che va superata quanto prima”.

Il nuovo prezzario entrerà in vigore il prossimo 5 gennaio con la pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*