Riaperto il valico della Somma, tra Spoleto e Terni, chiuso dal 15 novembre

 
Chiama o scrivi in redazione


Riaperto il valico della Somma, tra Spoleto e Terni, chiuso dal 15 novembre

Riaperto il valico della Somma, tra Spoleto e Terni, chiuso dal 15 novembre

Anas ha ripristinato la circolazione dei mezzi pesanti sulla strada statale 3 “Flaminia” in corrispondenza del valico della Somma, tra Spoleto e Terni. La chiusura provvisoria al traffico pesante era stata disposta da Anas lo scorso 15 novembre dopo un controllo periodico programmato che aveva evidenziato la necessità di un intervento di ripristino sul viadotto “Acquaiura” (km 116,760).

  • previsti interventi di miglioramento sismico su sei viadotti lungo la tratta per 17 milioni di euro
  • in corso anche la progettazione di 10 interventi di miglioramento del tracciato
  • Gli interventi hanno riguardato, in particolare, il consolidamento dell’impalcato e di alcuni elementi strutturali al fine di ripristinare la circolazione nel più breve tempo possibile.
© Protetto da Copyright DMCA

Al contempo, Anas ha quindi avviato la progettazione di un intervento complessivo di risanamento e miglioramento sismico di questo e di altri cinque viadotti lungo la tratta, per un investimento complessivo di circa 17 milioni di euro.

Gli interventi sono tutti in fase di progettazione esecutiva e i lavori potranno essere avviati a partire da maggio. Sulla statale 3 “Flaminia” tra Spoleto e Terni Anas è inoltre impegnata nella progettazione dei lavori di miglioramento del tracciato che riguardano, in particolare, 10 interventi del valore complessivo di 14,3 milioni di euro, finalizzati a risolvere le principali criticità, innalzando gli standard di sicurezza, migliorando il comfort di guida e la fluidità della circolazione.

  • Tre progetti sono già ultimati e in fase di approvazione. Per gli altri sono in corso le indagini geologiche ed è previsto il completamento dei progetti entro agosto.

Una volta ultimata la progettazione sarà avviato l’iter di approvazione del progetto e, a seguire, l’affidamento dei lavori. Gli interventi sono già inseriti nella prossimo Piano 2021-2024 in corso di definizione per il finanziamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*