Ex-Fcu sbloccato iter tratto Perugia Sant’Anna, Ponte san Giovanni

La vicenda della FCU – ricorda Melasecche - meriterebbe di essere tramandata ai posteri

 
Chiama o scrivi in redazione


Ex-Fcu sbloccato iter tratto Perugia Sant'Anna, Ponte san Giovanni

Ex-Fcu sbloccato iter tratto Perugia Sant’Anna, Ponte san Giovanni

“L’impresa che sta realizzando i lavori dovrebbe riprendere presto il cantiere per realizzare le opere civili e l’armamento, confidando che l’anno 2022 veda l’inaugurazione della Ferrovia Perugia Sant’Anna- Ponte San Giovanni completamente rinnovata”. E’ quanto afferma l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Melasecche. “Del progetto iniziale del costo di circa 25 milioni, soggetto a ribasso d’asta, – ha spiegato l’assessore – sono stati realizzati ad oggi circa 6,5 milioni di lavori e Rete Ferroviaria Italiana si accinge a procedere con un ulteriore stralcio entro il 2020. Circa un anno fa l’allora gestore, Umbria TPL e Mobilità S.p.A., ha predisposto una perizia di variante, per un importo di circa 2,9 milioni di euro, per la realizzazione del nuovo armamento nel rispetto di standard più sicuri, analoghi a quelli utilizzati sulla rete ferroviaria nazionale, con la previsione di binari in acciaio di maggior consistenza e traversine ancor più resistenti, da UNI 50 a UNI 60.

RFI è subentrata nella gestione

Ora RFI, che è subentrata nella gestione dell’infrastruttura ferroviaria regionale, può procedere con i lavori di ricostruzione dell’armamento potendo contare, per l’anno in corso, su risorse già disponibili per circa 5 milioni e mezzo di euro.

Colpi di scena, i rinvii, gli aumenti dei costi

La vicenda della FCU – ricorda Melasecche – meriterebbe di essere tramandata ai posteri al pari e forse a maggior ragione delle vicende romanzate dell’Orient Express. Tali sono i colpi di scena, i rinvii, gli aumenti dei costi, i cambiamenti di normative che si sono succeduti nel corso di questa lunghissima storia che dura da tempo ma a cui questa Giunta regionale intende dare uno stop portando a conclusione sia le incredibili vicende burocratiche e tecniche sia soprattutto gli appalti oggi in mano ad RFI subentrata appunto a Umbria TPL e Mobilità, a sua volta subentrata alla gloriosa quanto travagliata FCU.

Rendicontare i lavori realizzati

Come Regione dobbiamo nel frattempo rendicontare i lavori realizzati in questi anni per sbloccare gli ultimi finanziamenti dal MIT. Faremo di tutto perché l’opera possa essere completata e di nuovo conclusa nei tempi minimi necessari recuperando gli anni perduti. L’impegno c’è tutto – ha concluso l’assessore Melasecche –  e quest’opera rappresenta uno dei non pochi simboli del nuovo corso regionale verso la ripresa dell’Umbria e, nel caso specifico della riapertura della storica Stazione ferroviaria al centro di Perugia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*