Porco Rosso, le proposte per i rider in audizione al comune di Perugia

verso il tavolo di confronto per la tutela dei lavoratori digitali

 
Chiama o scrivi in redazione


Porco Rosso le proposte per i rider in audizione al comune di Perugia

Porco Rosso, le proposte per i rider in audizione al comune di Perugia

Oggi 27 aprile 2021, come NIdiL CGIL Perugia e Circolo Arci – Il Porco Rosso, siamo comparsi in audizione di fronte la IV Commissione del Consiglio Comunale di Perugia, in riferimento all’Ordine del Giorno in favore dei ciclofattorini (Rider) presentato su nostra istanza dalla consigliera Sarah Bistocchi e sottoscritto dai consiglieri comunali del centrosinistra.

Al centro della proposta l’idea di dare sicurezza, diritti e tutele a tutti i lavoratori che, senza mai interrompere la propria attività durante i momenti più duri del lockdown hanno lavorato e lavorano in condizioni a volte proibitive nelle strade della nostra città. La proposta infatti comprendeva l’impegno del Comune a fornire dispositivi di protezione individuale ai lavoratori, eseguire una mappatura delle aziende e degli operatori attivi, nonché riconoscere servizi base quali assistenza nell’acquisto e nella manutenzione delle biciclette, mezzi necessari per svolgere tale professione.

Nel fare questo abbiamo sottolineato come, in un contesto in cui la mobilitazione e la lotta dei lavoratori digitale è una questione aperta e avvertita a livello europeo, le istituzioni locali e l’amministrazione del Capoluogo umbro non potessero tirarsi indietro dall’intervenire e dall’attivarsi, come capofila istituzionale, per impedire che ogni forma di sfruttamento venga perpetrata sul territorio del proprio Comune.

Tali istanze nascono dal lavoro che da mesi Nidil e Il Porco Rosso, insieme a tutte le associazioni della rete “No Easy Rider” svolgono sul territorio, tramite iniziative sindacali e di mutualismo, non ultima l’Officina Sindacale di Via dei Priori, un servizio per mettere a disposizione dei ciclofattorini un’area di sosta attrezzata con servizi igienici, wifi, generi di prima necessità e strumenti di manutenzione per i mezzi, nonché uno sportello di pronto intervento sindacale.

  • “La risposta della maggioranza alle nuove esigenze di un mondo del lavoro in costante cambiamento,” – dichiara Andrea Marconi di NIdiL CGIL Perugia, “è stata tiepida, seppure il confronto in sede di Commissione sia stato proficuo.

La votazione sull’Ordine del giorno è stata sospesa, e si è convenuto sulla necessità di attivare sinergie nuove tra le istituzioni locali, la rappresentanza sindacale e l’ispettorato del lavoro, affinché questi lavoratori in prima linea nelle strade di Perugia non siano più invisibili. Come organizzazioni promotrici di questa iniziativa proseguiremo il confronto con l’amministrazione comunale, che auspichiamo si sostanzi in un tavolo tecnico che possa monitorare la situazione del mondo del lavoro digitale e definire linee d’azione comuni.”

Per la Rete No Easy Rider Perugia :
NIdiL – CGIL Perugia
Circolo Arci – Il Porco Rosso
Altrascuola Rete degli Studenti Perugia
Sinistra Universitaria – Udu Perugia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*