Misura Re-Commerce: pubblicato bando per fondo prestiti

Programma gol, la giunta regionale adotta il piano per la sua attuazione
Programma gol, la giunta regionale adotta il piano per la sua attuazione

Misura Re-Commerce: pubblicato bando per fondo prestiti

Pubblicato oggi sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria l’Avviso Pubblico fondo prestiti “Re-Commerce”. La misura è volta a supportare le micro imprese, i consorzi e le reti di micro imprese aventi soggettività giuridica e operanti nel settore del commercio, dei servizi alla persona sospesi in zona rossa e delle palestre, la cui attività d’impresa sia stata danneggiata dall’emergenza COVID-19.

LEGGI ANCHE – Regione Umbria blocca vaccino astrazeneca lotto ABV2856, sequestri del Nas

    L’avviso prevede infatti l’erogazione di un prestito agevolato di 5.000 euro con durata del preammortamento a 12 mesi, la durata dell’ammortamento a 24 mesi e tasso di interesse dello 0,5 %. Al termine del periodo di preammortamento il beneficiario avrà diritto ad ottenere a fondo perduto, a titolo di remissione del debito, una quota pari al 50% del finanziamento e comunque per un importo massimo pari a 2.500 euro dimostrando di aver sostenuto costi nel corso dell’anno 2021 pari almeno all’importo di remissione del debito.

   Le domande potranno essere presentate esclusivamente on-line sul portale https://www.umbriainnova.it, il cui link è presente anche nel sito https://www.gepafin.it, accedendo alla pagina dedicata al Fondo prestiti “Re- Commerce”, a partire dalle ore 13:00 del 15 marzo 2021 e fino alle ore 13:00 del 3 maggio 2021.

   “Il fondo “re-commerce” – dichiara l’assessore regionale allo sviluppo economico, Michele Fioroni – vuole essere un sostegno a quelle attività che siano state danneggiate a cause delle chiusure derivanti dalla diffusione dell’emergenza COVID-19. Siamo consapevoli e attenti alle grandi difficoltà che il tessuto economico della regione sta attraversando e con i mezzi a disposizione della Regione vogliamo fare tutto il possibile per sostenere il nostro territorio, questa misura – conclude Fioroni – ne è un esempio, come lo sono le altre messe in campo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*