Rider, approvato ordine del giorno in commissione a Perugia, un piccolo passo

Proposta l’idea di dare sicurezza, diritti e tutele a tutti i lavoratori

 
Chiama o scrivi in redazione


Porco Rosso le proposte per i rider in audizione al comune di Perugia

Rider, approvato ordine del giorno in commissione a Perugia, un piccolo passo

Dopo la discussione e l’audizione pubblica di martedì 27 aprile, la IV Commissione Consiliare Permanente del Comune di Perugia ha approvato a maggioranza, nel corso della seduta di martedì 18 maggio, l’Ordine del giorno presentato dai gruppi consiliari del centrosinistra su nostra iniziativa riguardante disposizioni in tutela dei lavoratori digitali.

Al centro della proposta l’idea di dare sicurezza, diritti e tutele a tutti i lavoratori che operano tramite piattaforma digitale, i quali senza mai interrompere la propria attività durante i momenti più duri del lockdown hanno lavorato e lavorano in condizioni proibitive, anche nelle strade della nostra città.

La proposta comprende l’impegno del Comune a considerare finalmente questi lavoratori come un’effettiva componente del mondo del lavoro sul territorio, finora tristemente invisibile all’attenzione delle istituzioni locali. Occorre nell’immediato mappare le aziende e gli operatori attivi sul territorio, al fine di verificare le relative condizioni di sicurezza dei lavoratori e dell’utenza, nonché attivare nuove sinergie per riconoscere diritti minimi di cittadinanza a questi lavoratori. 

In un contesto in cui la mobilitazione e la lotta dei lavoratori digitali è una questione aperta e avvertita a livello nazionale ed europeo– commenta Andrea Marconi di NidIL Cgil Perugiale istituzioni locali e l’amministrazione del Capoluogo umbro non possono tirarsi indietro dall’intervenire e dall’attivarsi come capofila istituzionale, per impedire che ogni forma di sfruttamento venga perpetrata nelle strade del proprio Comune“.

Auspichiamo dunque – conclude Marconi- che in linea con le intenzioni manifestate dall’amministrazione in sede di Commissione, la proposta sia approvata nel prossimo Consiglio Comunale, e che si possa procedere quanto prima alla convocazione del tavolo di confronto con le parti sociali e l’ispettorato del lavoro, per monitorare la situazione del mondo del lavoro digitale e definire linee d’azione efficaci./cgil fabrizio ricci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*