Emergenza Covid e lavoro, il cambiamento è necessario e non c’è più tempo

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza Covid e lavoro, il cambiamento è necessario e non c'è più tempo

Emergenza Covid e lavoro, il cambiamento è necessario e non c’è più tempo


Il cambiamento è necessario e non c’è più tempo. L’emergenza Coronavirus lo ha reso ancor più evidente, acuendo le disuguaglianze già enormi che caratterizzano il nostro tempo. E questo vale ancora di più per l’Umbria, una regione che ben prima della pandemia stava scivolando inesorabilmente verso il basso e dove i tassi di povertà hanno raggiunto livelli mai conosciuti prima. Ora però, grazie ad una disponibilità di risorse senza precedenti – dal Recovery Fund, ai soldi per la ricostruzione, dalla Bei alle aree di crisi – c’è una straordinaria opportunità: pensare e costruire un nuovo modello di sviluppo per la nostra regione che faccia del buon lavoro, della sostenibilità ambientale e sociale, di un welfare moderno e pubblico il suo tratto distintivo.
Per favorire questo percorso ineludibile Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria lanciano un laboratorio di proposte e idee che verrà presentato con un’inedita iniziativa “mista”, sia in presenza che online, domani, martedì 13 ottobre. Alla Sala dei Notari dalle ore 9.30 i segretari nazionali dei tre sindacati, Maurizio Landini per la Cgil, Luigi Sbarra per la Cisl e Pierpaolo Bombardieri per la Uil, interloquiranno con lavoratrici e lavoratori, presenti in sala (nel rigido rispetto delle normative Covid) o collegati da vari punti dell’Umbria, scuole, fabbriche e sedi sindacali. Sarà possibile seguire l’iniziativa in diretta Facebook sulla pagina dedicata facebook.com/umbriaripartedallavoro.
INFO PER GLI OPERATORI DELL’INFORMAZIONE
Viste le rigide limitazioni imposte dall’emergenza Covid l’ingresso alla Sala dei Notari per operatori e operatrici dell’informazione sarà consentito nella misura massima di 10 unità alla volta. Sarà necessario accreditarsi rispondendo a questa email entro le ore 19.00 di stasera, 12 ottobre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*