Coronavirus, consegnate mascherine a medici, ma sono inadeguate

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, consegnate mascherine a medici, ma sono inadeguate

Coronavirus, consegnate mascherine a medici, ma sono inadeguate

bito si sono trovati in “Prima Linea” a combattere una battaglia contro un nemico invisibile ed oltremodo pericoloso. La nostra è soprattutto la denuncia e lo sfogo di chi si è trovato costretto a prendersi cura della propria popolazione assistita SENZA dispositivi di protezione individuale (DPI)”. Lo scrive in una nota Sabatino Orsini Federici, segretario regionale della Fimmg che, insieme a Leandro Pesca e Simonetta Centurione della segretera Provinciale intendono denunciare alla regione dell’Umbria la situazione che i medici stanno vivendo in questa fase di emergenza.

“In data odierna – scrivono – a qualche Medico di Medicina Generale è stato consegnato del materiale (1 mascherina Fpp2, 4 mascherine chirurgiche, 8 paia di guanti, 1 telo copri vestiti, 2 cuffie, 4 soprascarpe a testa) giunto con notevole ritardo rispetto alla comparsa del Virus, che risulta assolutamente inadeguato sia nella quantità sia nella qualità!!! Tutto questo ci induce a pensare – aggiungono – che la nostra sicurezza non sia una Vostra priorità. Un Medico di Assistenza Primaria che si ammala non è solo un problema per il medico stesso, ma per tutta la popolazione che assiste, oltre che possibile “untore” … Siamo sconcertati per il pressapochismo e la inadeguatezza con il quale avete congegnato queste misure anti COVID-19 nonostante i nostri rappresentanti nella Task Force abbiano insistentemente chiesto attenzioni diverse per gli operatori del territorio. Ci riserviamo pertanto – conclude la nota – di mettere in atto adeguate misure di protesta”.

2 Commenti

  1. Avete perfettamente ragione, ma io mi domando… in Italia nessuno paga e nessuno ha colpa… ma nella filiera, in questo caso parliamo delle protezioni dei medici, ci sarà qualcuno che ha sbagliato, ci sarà stato un passaggio in cui qualcuno ha commesso qualche errore… ma perché in Italia nessuno paga per il pressapochismo?

  2. Inutile fare polemiche: le scorte sono finite e le ditte non consegnano.Questo problema e’ mondiale e non solo Umbro.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*