Chef Andrea Impero due percorsi degustazione per l’essenza dell’Umbria

Borgobrufa spa resort svela la nuova proposta fine dining tra “visione” e “ispirazione”

Chef Andrea Impero due percorsi degustazione per l'essenza dell'Umbria

Chef Andrea Impero due percorsi degustazione per l’essenza dell’Umbria

Il risveglio dei sensi e il benessere che si respirano a Borgobrufa SPA Resort, nel cuore dell’Umbria, passano anche dalla proposta di fine dining.

La cucina, guidata dallo chef Andrea Impero, è il fulcro attorno a cui ruotano e si intrecciano anche i fondamenti della filosofia della raffinata struttura adults only: la ricerca instancabile dell’essenza, della verità, del benessere e dell’armonia, sulla tavola così come nell’ospitalità.  La proposta culinaria del ristorante Elementi Fine Dining si è recentemente arricchita con nuove golose ricette che fondono la fantasia, la tecnica e le conoscenze dello chef con materie prime di eccellente qualità, la maggior parte dei quali provenienti da piccoli produttori locali selezionati.

Visione ed Ispirazione: i due percorsi degustativi

La cucina di Borgobrufa SPA Resort ha origine da una riflessione profonda proprio sul concetto di “cucinare”, atto che va ben oltre la trasformazione delle materie prime: conoscere, approfondire e studiare i prodotti e il territorio è essenziale per costruire una visione nuova e al contempo rispettosa della tradizione.

E proprio da questa passione e attenzione per i dettagli hanno origine Visione ed Ispirazione, i due nuovi percorsi degustazione.

Il Menù Visione ha origine dalla personale e creativa idea di Andrea Impero dell’Umbria, una terra che lo ha accolto con affetto e a cui lo Chef sente il bisogno di restituire un amore incondizionato. Ogni ricetta del percorso degustativo è il fine ultimo di una riflessione sincera, l’atto celebrativo dell’infinita capacità di una terra nello stupire ed emozionare chiunque con i suoi prodotti e la sua tradizione. Si comincia con l’Introduzione; poi Volere volare (trota, grano saraceno e ciauscolo); 3P (pecora, pecorino e percoca); Tisana benessere (castrato etrusco, paglia e fieno); È ghiotta (ravioli di piccione con lardo e carote); Pasta & cipolla (spaghettini in crioestrazione di cipolla); si prosegue con L’uovo sbattutoTutte le mele del mondo (che esalta la biodiversità umbra); infine l’Epilogo per concludere in maniera sublime il percorso degustativo.

Il Menù Ispirazione, invece, conduce l’ospite attraverso la coscienza di uno Chef innamorato del suo lavoro: le sue esperienze, le sue memorie di bambino, le prime emozioni, la maturità, l’oggi e il futuro. Chef Impero libera la sua fantasia, inseguendo reminiscenze, sogni e realtà. Un viaggio in cui sfoggia il talento al servizio della perenne ricerca del gusto ideale, capace di coccolare il palato ed incantare gli ospiti. Dopo l’Introduzione, si continua con Carciofo 365 (mentuccia e perle di aglione), il Nugget di pollo biancoAnime (midollo e animella di vitello); Giallo Oro (carnaroli allo zafferano con cognac e scampi); Il mare nascosto (mezzanello di Gragnano con scoglio e conchiglie); Una starna italiana (dolceforte alla brace con resina di pinoli e grano spezzato); Chinotto digestivoBrioscia (ai fiori d’arancia e gelsomino); infine l’Epilogo per concludere in dolcezza l’esperienza.

 Sostenibilità in tavola: produttori locali e materie prime

L’eccellenza della proposta culinaria di Borgobrufa SPA Resort è assicurata in entrambi i ristoranti – “Quattro Sensi” ed “Elementi Fine Dining” – dall’impiego di materie prime di assoluta qualità, provenienti da un importante network di produttori locali. Allevatori e agricoltori coltivano la propria terra e crescono i propri animali con passione e dedizione, nel rispetto delle tradizioni e del territorio, per fornire allo chef Andrea Impero solamente i migliori prodotti che l’Umbria regala.

Attualmente, tra le materie prime utilizzate in cucina, il 70% proviene da queste preziose realtà e il 90% di queste viene dal territorio regionale umbro. Percentuali altissime che dicono l’impegno del Borgobrufa Spa Resort nel campo della sostenibilità e della valorizzazione del territorio, oltre che della genuinità e dell’eccellenza delle materie prime, creando un’economia circolare vera. Sono numerose e appassionanti le storie delle famiglie che da generazioni si occupano delle aziende locali.

 L’Umbria nel calice

Con oltre 400 etichette di pregio tra vini del territorio, regionali, italiani e internazionali, la Cantina di Borgobrufa SPA Resort è un vero e proprio gioiello.

Tra i vini che ospita, meritano una particolare attenzione Burgus, il Burgus 999 Riserva e Poggio Belvederino, rispettivamente i rossi e il bianco prodotti dalle uve coltivate nelle colline che circondano la struttura. I primi sono un blend di uve Sangiovese e Cabernet Sauvignon dal sapore intenso e dal profumo fresco e fruttato. Dopo la vinificazione, l’affinamento conferisce al Burgus sentori speziati di cannella, pepe e vaniglia. Gli abbinamenti perfetti? Carni rosse, pollame nobile, cacciagione e formaggi stagionati. Il Poggio Belvederino, invece, nasce dall’incontro tra Trebbiano e Incrocio Manzoni, che dà vita a un vino di grande fascino olfattivo. Ottimo a tutto pasto, lo si apprezza particolarmente come aperitivo, carni bianche, primi piatti e antipasti vegetali.

 Lo Chef

Andrea Impero è uno chef giovane, ma già traboccante di cultura culinaria ed esperienze importanti in Italia e all’estero. Da Ferentino (Fr), suo paese di origine, approda nelle cucine della Taverna del Capitano, il ristorante bistellato di Alfonso Caputo, dove forgia le sue conoscenze. Dopo oltre due anni viene chiamato al Vivavoce by Don Alfonso Iaccarino del Hotel Gran Melià di Roma. Poi intraprende fondamentali esperienze all’estero: prima come Executive Chef del Restaurant George I di Vladivostok, poi al Quattro passi di Antonio Mellino a Londra; infine ricopre l’ambito ruolo di Chef Executive Resident del prestigioso fine dining russo Maritozzo, dove ne gestisce tutti gli ambiti gastronomici (ristorante gourmet, caffetteria, pasticceria, wine bar) e diventa uno dei migliori Chef di Mosca. Il desiderio di tornare in Italia lo conduce a confrontarsi con una realtà come Borgobrufa, in cui “reinventa” il concetto di cucina umbra, esaltando il gusto locale con ricette innovative. La sua brigata di cucina e di sala è giovane, motivata ed entusiasta, e accoglie il cliente con garbo, professionalità e savoir faire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*