Coronavirus, verso la consegna dei giornali a domicilio, c’è l’accordo

 
Chiama o scrivi in redazione


Rilancio delle edicole a Perugia, gruppo PD presenta ordine del giorno

Coronavirus, verso la consegna dei giornali a domicilio, c’è l’accordo

Consegna dei giornali a domicilio. Le organizzazioni sindacali (Snag Confcommercio, Sinagi Cgil, Uiltu Cs Giornalai e Cisl Giornalai) hanno stretto una bozza di accordo con gli editori e con i distributori nazionali per gestire le problematiche connesse all’emergenza Covid-19. L’accordo domani si dovrebbe concretizzare e quindi anche portare alla previsione della consegna a casa di quotidiani e periodici. E scritto oggi sulla Nazione Umbria

«Le edicole sono aperte, venite a comprare giornali e riviste: è un modo per informarsi in maniera autorevole, senza dimenticare che leggere serve a trascorrere in serenità il proprio tempo». E’ quanto ha detto Fabio Pipparoni, rappresentante sindacale dei giornalai della provincia di Perugia (Sinagi-Cgil). Le edicole e le rivendite di quotidiani e periodici sono state infatti riconosciute tra i «servizi essenziali» dall’ultimo Dpcm della presidenza del consiglio dei ministri emesso per l’emergenza Covid – 19.

«Siamo soddisfatti ci sia stata riconosciuta questa importante qualifica – ha spiegato Pipparoni -. Va detto che siamo alle prese con un momento che è complesso per tutti. E’ da tempo che a livello personale e di categoria stiamo affrontando numerose difficoltà. E vorremmo sottolineare che andare ad aprire ogni giorno per garantire l’informazione ai cittadini con le città vuote, è un gesto di grande solidarietà e sacrificio. Giustamente medici e personale sanitario sono considerati eroi e andranno ringraziati uno per uno dopo questa emergenza. Ma anche i giornalai e gli altri lavoratori – ha aggiunto – comunque garantiscono una parvenza di normalità, meritano molto di più di un semplice grazie».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*