Spese pazze in consiglio regionale, il socialista Rometti, punta al patteggiamento

Spese pazze in consiglio regionale, il socialista Rometti, punta al patteggiamento

Spese pazze in consiglio regionale, il socialista Rometti, punta al patteggiamento

Il legale di Silvano Rometti, ex assessore regionale in quota socialista, tra gli ex consiglieri ieri finiti a processo alla Corte dei conti (danno erariale) per le cosiddette spese pazze in Regione tra il 2011 e il 2012, ha chiesto il rito abbreviato e si prepara al patteggiamento. E’ quanto riporta oggi il Corriere dell’Umbria.

“Il mio assistito – spiega il legale Ferdinando Mucci – in quel biennio era assessore e non aveva responsabilità dirette nell’erogazione dei fondi del gruppo. Ma è anche difficile reperire le testimonianze, oggi. Vista l’entità della cifra contestata, puntiamo a richiedere il patteggiamento”.

Che porterebbe da 10 mila a cinque mila euro la contestazione. Non così per i circa 200 mila euro contestati a vario titolo ai consiglieri di Pd e Pdl. Per il Pd citati a giudizio Locchi, Calanello, Smacchi; per i socialisti Buconi (rinviato a ottobre), per il Pdl Nevi, Valentino, De Sio, Monni, Lignani Marchesani, Mantovani. Sono difesi da Caforio, Pepe, Chirga, Falcinelli, Modena, D’Acunto, Veschi.

Ieri il pm Elena Di Cisi ha respinto la richiesta di prescrizione presentata dai legali, sostentendo che il termine da cui far decorrere i cinque anni è il termine dell’inchiesta o il rinvio a giudizio, non l’anno di commissione dei presunti reati.

Commenta per primo

Rispondi