Spacciavano nascosti interno del bosco, arrestati dai Carabinieri

 
Chiama o scrivi in redazione


Spacciavano nascosti all’interno del bosco, arrestati dai Carabinieri

Spacciavano nascosti all’interno del bosco, arrestati dai Carabinieri

I Carabinieri di Gubbio hanno smantellato un imponente attività di spaccio di sostanze stupefacenti, al dettaglio, messa in piedi da due cittadini albanesi di 27 e 37 anni. I due sono stati, poi, arrestati, in flagranza di reato, dai militari dell’Arma. In realtà tutto si svolgeva in un bosco, a Mengara, attività che, come comunicano i Carabinieri, era florida e in via di espansione.

Attorno alla boscaglia, da settimane, era stato notato un aumento di traffico di autovetture, per altro anomalo, in quella zona rurale. Alla guida delle auto i carabinieri, che nel frattempo avevano attivato in controllo discreto, hanno notato nomi già noti nel mondo del consumo di droga.

Decine di macchine che arrivavano in quello che era diventato nu vero e proprio luogo di approvvigionamento di cocaina per la zona dell’Eugubino. I Militari hanno appurato che i due albanesi arrivavano in mattinata da Perugia, anche loro a bordo di un’auto. Appena arrivati si infilavano nella vegetazione, da dove uscivano per consegnare la cocaina agli acquirenti e far rientro tra il verde.

Nel contesto delle indagini e a fronte delle varie, e documentate , cessioni di stupefacente, acquistato al prezzo di 70 euro contenuto in cellophane termosaldato, nella giornata di ieri, al tramonto, a seguito di un ulteriore riscontro dell’attività, i militari hanno bloccato gli spacciatori.

Sul posto è stato rinvenuto materiale da taglio e buste in cellophane per il confezionamento dello stupefacente e i due, a seguito di perquisizione personale e domiciliare, sono stati trovati in possesso di 1660 euro in banconote di vario taglio, somma ritenuta  provento dell’attività illecita.

Il reato contestato agli arrestati è quello di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. Oggi si è tenuta l’udienza di fronte al Giudice del Tribunale di Perugia, che ha convalidato l’arresto e ha disposto nei loro confronti il divieto di dimora nella Regione Umbria. Per entrambi i cittadini albanesi è stata, altresì,  avviata la procedura amministrativa per il divieto di ritorno nel comune di Gubbio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*