Senza tetto cieco dorme all’addiaccio sotto le Logge di San Lorenzo, a Perugia

In segno di protesta ha deciso di trasferirsi, coperto alla bene e meglio, sotto il Loggiato

 
Chiama o scrivi in redazione


Senza tetto cieco dorme all’addiaccio sotto le Logge di San Lorenzo, a Perugia

Uno degli ospiti dell’ex dormitorio del cva dei Rimbocchi, di Perugia, ha deciso di dormire all’aperto (13 gradi ndr). Lui è il magrebino, di cui ci siamo già interessanti un paio di settimane fa, quando siamo andati nel centro di visita associata del popoloso quartiere perugino. Laddove, almeno fino a qualche tempo fa, erano ospitati alcuni senza tetto (22 per l’esattezza, 11 dopo la scadenza della convenzione e, presumibilmente, 13-14 dopo che alcuni avevano rifiutato alcune soluzioni).
“Un letto per ki?”, gruppo Facebook comunica, appunto, che questo “signore non vedente”, in segno di protesta ha deciso di trasferirsi, coperto alla bene e meglio, sotto il Loggiato del Duomo di San Lorenzo, a due passi dalla scalinata, interdetta dal comune per evitare gli assembramenti della movida.
“Sono cieco vivo per strada e il comune mi ha abbandonato”. “Sono cieco senza tetto per il comune non esisto”, questo è quanto ha scritto, evidentemente qualcuno per lui. E’ a due passi dal Comune, verso il quale protesta per l’essenza di risposte da parte delle istituzioni.
Chiede assistenza, urgente, per svolgere le sue attività quotidiane e un tetto tutto l’anno.
Il gruppo Un letto per ki?, visto il freddo, l’esasperazione e l’isola lamento, chiede massima diffusione della notizia.
Da quanto si sa, però, sembrerebbe – ma lo verificheremo in giornata – che l’uomo avrebbe un posto assegnato e pagato dal comune di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*