Salvato all’ultimo momento, detenuto tenta suicidio a Capanne

 
Chiama o scrivi in redazione


Salvato all'ultimo momento, detenuto tenta suicidio a Capanne

Salvato all’ultimo momento, detenuto tenta suicidio a Capanne

Sventato tentativo di suicidio di un detenuto dagli uomini della polizia penitenziaria di perugia Capanne, si tratta di un uomo di circa 30 anni di origini nord africane. E’ successo nel tardo pomeriggio di ieri, 03 dicembre 2019, ha tentato di togliersi la vita impiccandosi all’ interno della propria camera detentiva al 3° piano del reparto circondariale.

Solo grazie al tempestivo intervento degli agenti della polizia penitenziaria, in servizio, si e’ scongiurata una morte sicura.

Cosa è accaduto

Erano le 17.30 circa, quando l’agente in servizio, avvertito da un detenuto lavorante, si e’ precipitato unitamente ad un altro collega davanti alla camera detentiva, avvertito il pericolo, sono entrati in cella e sono riusciti a sollevare il detenuto e a liberarlo dal cappio rudimentale che si era messo attorno al collo e gli hanno salvato la vita.

Darne notizia e’ il vice segretario regionale dell’o.S.A.P.P.

Segretario
Angelo Romagnoli

A darne notizia e’ il vice segretario regionale dell’organizzazione sindacale o.S.A.P.P. Angelo Romagnoli, che sottolinea che “quanto accaduto mette in luce tutta l’umanita’ del nostro lavoro, i colleghi, infatti, non si sono fermati a riflettere, ma hanno agito immediatamente per salvare la vita ad un giovane ragazzo. Il sindacato o.S.A.P.P. Sta facendo la propria parte – dice Angelo Romagnoli – rappresentando alla direzione dell’istituto, al provveditorato regionale e all’amministrtazione centrale le problematiche che l’istituto perugino sta attraversando, ovvero la carenza cronica di organico e soprattutto la tipologia di detenuti con problemi psichiatrici che vengono assegnati all’istituto di capanne, non a caso sono state effettuate diverse note rappresentando i problemi del 3 piano del reparto circondariale».

La segreteria regionale dell’ o.S.A.P.P. Volge un appello al ministro della giustizia, al quale chiede di assumere dei provvedimenti seri ed efficaci per la nostra regione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*