Rimangono sulla torre i due operai, continua la protesta

operai-salgono-torre (4)TERNI – I due lavoratori della società Industria e servizi che protestano contro la decisione della Ilserv, rimangono dall’alba di oggi sulla torre di emissione dell’Ast. La Ilserv è una partecipata dell’acciaieria. Da quanto appreso vorrebbe revocare alla propria ditta l’appalto di pulizia dello stabilimento.

I due – il ternano Mauro Carletti e il tunisino Cialil Verbali – si trovano a metà circa della struttura, alta una settantina di metri. E’ loro intenzione rimanere sulla torre anche durante la notte, almeno fino all’incontro convocato per domani alle 11 dal prefetto Gianfelici Bellesini, al quale sono stati invitati a partecipare rappresentanti dell’Ilserv, della Industria e servizi e della ditta che è subentrata nell”appalto, la Carlo Iosa.

I lavoratori chiedono di rimanere a lavorare con la società Industria e servizi. Oltre ai 24 colleghi dei due lavoratori e al personale della Digos – coordinato dal dirigente Marco Colurci -, che sono in costante contatto con i due operai, nei pressi dello stabilimento Ast erano presenti stamane anche i rappresentanti sindacali di Filcams Cgil e Fisascat Cisl, Matteo Lattanzi e Angelo Manzotti.

Le organizzazioni sindacali tornano a chiedere l’apertura di un tavolo per avviare una discussione generale sul tema degli appalti all’interno delle acciaierie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*