Quattro incendi Trasimeno, è caccia al piromane, intano spenti roghi 🎥 VIDEO



Quattro incendi nella zona del Trasimeno, è caccia al piromane

Sono stati tutti spenti gli incendi di bosco che nella giornata di lunedì hanno interessato diverse località della provincia di Perugia. Portando anche all” evacuazione di due agriturismi e di un” abitazione privata.Le fiamme sono arrivate anche a ridosso di alcune abitazioni che sono state evacuate insieme a due agriturismi. Quattro incendi sono divampati in poche ore tra Panicale, Piegaro e Castiglione del Lago e nella zona del Trasimeno. In un giorno sono andati in fumo 100 ettari di terreni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, il personale dell’Agenzia forestale, tre elicotteri e due Canadair.

  • probabilmente si tratta di incendi tutti dolosi

Molto probabilmente si tratta di incendi tutti dolosi, ma le indagini sono in corso da parte della polizia di Stato. E’ aperta la caccia al piromane. Il primo incendio è scoppiato poco dopo le 11, nel bosco tra Casalini e Montali. A Casalini anche la corrente elettrica era saltata a causa degli incendi.

  • rogo è cominciato tra le Grondici (Panicale) e la località Oro

Un nuovo rogo è cominciato tra le Grondici (Panicale) e la località Oro, nel comune di Piegaro. A causa del vento il fumo ha raggiunto le località limitrofe. Il terzo incendio è divampato a Piana di Castiglione del Lago. Le fiamme sono partite da un bosco e sono arrivate nei pressi di alcune abitazioni.

  • Il quarto incendio, nel tardo pomeriggio

Il quarto incendio, nel tardo pomeriggio, ancora nel comune di Piegaro, tra Castiglion Fosco e Collebaldo. Al termine della giornata sono stati 62 gli uomini dei vigili del fuoco impegnati a domare gli incendi boschivi, a cui vanno aggiunti i tre elicotteri, i due canadair e molti uomini dell’agenzia forestale.

L’incendio di Casalini è terminato alla 1. Alle ore 2 concluso quello a Castiglion Fosco. Resta aperto l’intervento di Piana di Castiglion del Lago.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*