Muore annegato perugino di 51 anni a La Spezia, salva la compagna

 
Chiama o scrivi in redazione


Muore annegato perugino di 51 anni a La Spezia, salva la compagna

Muore annegato perugino di 51 anni a La Spezia, salva la compagna

Un uomo di 51 anni di Perugia è annegato questo pomeriggio nelle acque di Punta Bianca nel comune di Ameglia (La Spezia). Secondo le prime ricostruzioni si sarebbe tuffato con la fidanzata, nonostante il forte vento e le onde. Mentre la donna è riuscita a rientrare a riva l’ uomo sarebbe stato risucchiato e rapidamente scomparso tra le onde. Le ricerche hanno coinvolto i vigili del fuoco di Spezia e di Sarzana, carabinieri, un elicottero della guardia costiera, mentre sul posto è intervenuto anche il 188. Nella zona è in corso una allerta meteo arancione per temporali con la previsione di raffiche e mareggiata.

Giacomo Serpa – il nome è riportato dal Secolo XIX – questo il suo nome, l’uomo era arrivato sulla scogliera sotto il vecchio fortino – Punta Bianca è una delle perle di questo ultimo tratto di costa ligure – in compagnia della convivente di origine ucraina, nonostante gli avvertimenti degli altri bagnanti che lo sconsigliavano di fare il bagno a causa della particolare burrasca e pericolosità delle condizioni del mare, ha voluto ugualmente tuffarsi.

E dopo poche bracciate ha perso il controllo venendo trascinato sott’acqua dalla corrente e dalla risacca. La sua compagna, anche lei in acqua, come detto, si è salvata miracolosamente aggrappandosi a una cima, utilizzata dai bagnanti per la risalita dalla scogliera. La salma è stata recuperata dai sommozzatori dei vigili del fuoco. Si tratta del secondo annegamento nello stesso specchio di mare in soli 6 giorni: domenica scorsa 23 agosto era deceduto l’ottantenne di Romito Magra Luigi Perini Tavaroni a causa di un malore che lo aveva sorpreso nelle acque di un mare quel giorno molto calmo.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Giacomo Serpa muore annegato a Punta Bianca, non doveva tuffarsi
  2. Rassegna stampa in pdf prime di copertina giornali 30 agosto 2020

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*