Morto Carlo Liviantoni, presidente per due legislature consiglio regionale

Con lui se ne va un pezzo di storia recente della città di Terni e dell'Umbria

Morto Carlo Liviantoni, presidente per due legislature consiglio regionale

Scomparso all” età di 78 anni Carlo Liviantoni, due volte presidente del Consiglio regionale dell” Umbria. Era ricoverato da alcuni giorni all” ospedale di Terni. Politico e insegnante, per anni con vari incarichi è stato punto di riferimento in Umbria della Democrazia cristiana (di cui è stato anche consigliere nazionale), poi del Partito popolare e infine della Margherita.

Da sempre impegnato in politica, ha ricoperto ruoli di primo piano anche nel Pd. Entrato in consiglio regionale nel 1985 è rimasto per quattro legislature, ricoprendo ruoli diversi. Dopo essere diventato nel 1995 assessore al turismo, cultura, istruzione e sport, Liviantoni ha guidato l” Assemblea legislativa dal 1997 al marzo 2000 e poi dal dicembre 2000 al 2004. I funerali si svolgeranno il 17 agosto alle 17 nella chiesa di San Francesco a San Gemini, dove dal primo pomeriggio sarà allestita la camera ardente.

“La comunità delle democratiche e dei democratici umbri perde una delle sue figure più autorevoli e rispettate. Carlo Liviantoni è stato un riferimento centrale per la vita politica ed istituzionale della provincia di Terni e dell’intera Regione Umbria, e si è sempre distinto per sobrietà ed equilibrio oltre che per un forte attaccamento ai valori democratici e popolari. Con lui se ne va un pezzo di storia recente della città di Terni”. Lo dichiara il capogruppo regionale Tommaso Bori che invia alla famiglia “a nome del gruppo PD dell’Assemblea legislativa, sentimenti di vicinanza e cordoglio”.

Modena (FI), riforma giustizia: "intervenire su ingiusta detenzione"Il cordoglio di Fiammetta Modena, senatrice Forza Italia

Ho appreso la notizia della scomparsa di Carlo Liviantoni. Presidente del Consiglio regionale, guidò l’assemblea legislativa nel periodo complesso dell’applicazione del titolo quinto della Costituzione. Fu apprezzato da tutte le forze politiche. Esprimo il mio cordoglio per il pezzo di storia della regione dell’Umbria che se ne va insieme a lui e le mie più sentite condoglianze alla famiglia. Senatore Fiammetta Modena

Morte Liviantoni, cordoglio presidente Lattanz

“Se ne va un uomo che ha inciso profondamente nella politica ternana e umbra. Un uomo che ha segnato un’epoca e che ha accompagnato e vissuto i cambiamenti e lo sviluppo della nostra regione”. Lo ha detto stamattina il presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi, esprimendo cordoglio per la morte di Carlo Liviantoni, per tanti anni esponente di spicco della Democrazia Cristiana, dirigente del partito e rappresentante istituzionale avendo, fra le altre, ricoperto anche la carica di assessore regionale e presidente del Consiglio regionale.

“La storia recente della provincia di Terni è legata alla figura di Liviantoni”, ha detto il presidente Lattanzi, che ha espresso alla famiglia le condoglianze a nome proprio e dell’amministrazione provinciale. “Con la sua visione politica e la sua lungimiranza – ha aggiunto – ha saputo interpretare al meglio le esigenze e le necessità del territorio. E’ stato per anni punto di riferimento e guida anche per le nuove generazioni di politici e amministratori ed ha rappresentato un modo di fare politica che guardava sempre con prioritaria attenzione ai cittadini ai loro bisogni, alle loro esigenze e alle loro necessità, senza mai far mancare il suo contributo per lo sviluppo economico e sociale della provincia di Terni e dell’Umbria”. Il presidente ha infine annunciato la sua presenza ai funerali che si svolgeranno domani alle 17 alla chiesa di San Francesco a San Gemini.

Parrano, sindaco Filippetti illustra fondi governo sostegno attività economicheMorte Liviantoni,  sindaco Parrano Filippetti: “Perdita per l’Umbria”

“Era un democristiano espressione delle radici popolari di quel partito”. Lo dice il sindaco di Parrano, Valentino Filippetti, a proposito della morte di Carlo Liviantoni. “La sinistra – ricorda Filippetti – gli preferì Cavicchioli alla presidenza della Provincia di Terni e Bocci iniziò ad intaccare la sua egemonia nella Margherita ternana alleandosi con Cassetta e gli altri socialisti che arrivarono alla Margherita.

In quelle vicende – osserva il sindaco – si possono trovare le ragioni di fondo e le matrici degli sviluppi futuri che come sappiamo sono stati disastrosi per la sinistra. Liviantoni ha attraversato questi tempi senza mai scadere nel personalismo e mantenendo un profilo alto. È una perdita per l’Umbria”.

 

Catiuscia Marini torna in "scena", sua prima uscita pubblica dopo le dimissioniMorto Liviantoni: Marini, ricordo modo garbato e deciso Ex presidente ricorda condivisione in “partecipazione politica”

Tra i primi a ricordare Carlo Liviantoni è stata, con un post su Facebook, anche l” ex presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini che si dice “molto dispiaciuta della sua scomparsa”, esprimendo le condoglianze alla famiglia. “Lo ho conosciuto – scrive Marini – nel corso del mio impegno istituzionale e con il quale abbiamo condiviso, in molti, la sua partecipazione politica alla vita della Regione Umbria e la comune appartenenza al Partito democratico. Lo ricordo per il modo garbato e deciso al tempo stesso di far affermare il proprio punto di vista nel dibattito istituzionale, in quello pubblico e nella vita interna del Pd”. Esprimono il loro cordoglio anche dall” unione comunale del Partito democratico di Terni per la scomparsa di Liviantoni, definito come “uno dei principali punti di riferimento dell” area cattolica popolare per Terni e per l” Umbria”. Ed anche nel Partito democratico, “di cui è stato uno degli esponenti fino alla fine” sottolineano ancora dal Pd di Terni.

Squarta, i media locali sono fondamentali per la democraziaRegione: Squarta, Liviantoni ha scritto pagine importanti Presidente sottolinea “autorevolezza e competenza”

“Carlo Liviantoni ha scritto pagine importanti della vita politica ed amministrativa della Regione Umbria. Lo ha fatto con assoluta autorevolezza e competenza e con altissimo senso delle Istituzioni”: così il presidente dell” Assemblea legislativa, Marco Squarta, sulla scomparsa del politico che ha ricoperto, tra i suoi molteplici incarichi, anche quello di presidente del Consiglio regionale in due legislature a cavallo del 2000. Squarta, in una nota, ricorda un “uomo politico ed un amministratore di grande spessore che ha saputo lasciare impronte indelebili anche nel suo importante incarico di assessore regionale ed in ogni altro ruolo ricoperto a livello istituzionale e politico”. Alla famiglia di Carlo Liviantoni, il presidente Squarta trasmette il cordoglio, suo personale e dell” Assemblea legislativa dell” Umbria.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*