Morto Alfio Farabbi, il suo corpo ritrovato su montagne di Ussita

Morto Alfio Farabbi, il suo corpo ritrovato su montagne di Ussita

Morto Alfio Farabbi, il suo corpo ritrovato su montagne di Ussita

Questa mattina in località Pintura di Bolognola nelle vicinanze del Rifugio del Fargno di Ussita (Mc), è stato ritrovato il corpo senza vita di Alfio Farabbi. L’uomo, originario di Villa Pitignano e grande appassionato della montagna, una volta abbandonata l’auto poi ritrovata dalle autorità, aveva fatto perdere le proprie tracce nella nota località sciistica dopo aver manifestato l’intenzione di farla finita.

  • Ricercato per svariati giorni da Soccorso Alpino

Ricercato per svariati giorni da Soccorso Alpino, Vigili del Fuoco e forze di Polizia, era risultato introvabile anche a causa del territorio vasto ed impervio in cui si era inoltrato. Le ricerche, sarebbero riprese a breve ma, questa mattina, un escursionista ha notato una macchia scura tra la vegetazione e, avvicinandosi, ha scorto prima uno zainetto e poi un cadavere in avanzato stato di decomposizione che fuoriusciva per la parte superiore del corpo da un sacco a pelo.

  • E’ stat0 riconosciuto dal fratello tramite il vestiario

Alfio Farabb

Presumibilmente l’uomo, riconosciuto dal fratello tramite il vestiario, si era rifugiato in un anfratto a pochi metri dal ritrovamento dove è stato impossibile individuarlo dai soccorritori che hanno battuto la zona sia dall’alto che dal basso e, successivamente, è stato trascinato all’esterno in un punto visibile da qualche animale in cerca di cibo. Le cause del decesso sono in fase di accertamento anche se pare certo che si tratti di un atto volontario.

La salma è stata ricomposta dagli operatori del Soccorso Alpino della stazione di Macerata e successivamente vericellata a bordo dell’elicottero dei Vigili del Fuoco per essere messa a disposizione dell’autorità giudiziaria per l’esame autoptico. Dal Soccorso Alpino e Speleologico Marche, le più sentite condoglianze alla famiglia./ Soccorso Alpino e Speleologico Marche – CNSAS

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*