Da Tavernelle all’istituto Volta di Perugia Piscille e l’odissea per un autobus mancato

Da Tavernelle all'istituto Volta di Perugia Piscille e l'odissea per un autobus mancato

Da Tavernelle all’istituto Volta di Perugia Piscille e l’odissea per un autobus mancato

“Mettete un pullman diretto…” E’ l’ennesima richiesta di una donna, mamma di alcuni studenti, che lamenta la mancanza di un autobus. Lo fa scrivendo sui social e tra i commenti è intervenuto anche l’assessore regionale Enrico Melasecche.


di Morena Zingales
Fonte: Segnalato sui social


“Stamani (ieri ndr) – racconta la donna postando una foto con scritto Tavernelle-ITTS Volta Piscille… l’odissea… –. Sono partiti alle 6:40 (da Tavernelle ndr) e sono rimasti senza navetta alla stazione (Perugia ndr). Gli autobus ovviamente non bastano per tutti e si va ben oltre le capienze previste e a spintoni per salire”.

I ragazzi alla fine sono arrivati a scuola in profondo ritardo grazie alla donna che è andata a prenderli da Tavernelle. “Stamani sono dovuta partire, prelevare i ragazzi che erano rimasti alla stazione e portarli a scuola alle 9.10, ma si può?”

“Intanto – aggiunge la donna – collezioniamo ritardi. I soldi li volete e profumati…Dalla Vice presidenza dell’istituto, mi confermano che già hanno comunicato tutte le difficoltà e le esigenze a Bus Italia, ma loro non mettono un pullman in più…”. (Aggiungendo un insulto a Bus Italia che non riportiamo ndr).

Il post tramite il consigliere della Civica Piegaro, Augusto Peltristo è finito nelle mani dell’assessore regionale Enrico Melasecche che alle 5 del mattino ha risposto: “Ricevo dal consigliere Augusto Peltristo questa segnalazione e provvedo immediatamente a trasmettere a Busitalia il disservizio chiedendo spiegazioni e chiedendo soprattutto che provvedano con assoluta urgenza”.

  • Anche la vicepresidente dell’assemblea legislativa, Simona Meloni, ha risposto

“Alcuni giorni fa ho preparato una interrogazione alla giunta regionale…come fatto lo scorso anno ma qui il problema ormai è duplice. Vediamo se possiamo sensibilizzare tutti e trovare una soluzione. È assolutamente vergognoso che ci si trovi in queste condizioni ancora oggi. Peraltro dopo mancato rimborso anche sui ticket ed abbonamenti per cui mi aspetto, a questo punto, un sostegno dal Governo”.

  • Busitalia deve rispettare regole anticovid

“Ricordo spiega Enrico Melaseccheche è assolutamente vietato agli autisti far salire un numero di viaggiatori superiore sll’80% del riempimento il cui numero deve essere scritto su un cartello all’interno dell’autobus. Le società che contravvengono a questa disposizione vengono meno ad un obbligo di legge per cui, se fosse accertato, sono soggette al pagamento di una penale.

Questa giunta – dice ancora l’assessore – da quando si è insediata ha saldato a Busitalia oltre 24.000.000 di € di debiti pregressi e provvede regolarmente al pagamento delle fatture quindi è giusto pretendere, nella ragionevolezza, che tutto funzioni. Potrebbe accadere che con gli orari provvisori delle scuole, se Busitalia non viene avvertita per tempo dai dirigenti scolastici dei relativi cambiamenti, che possano esservi dei disguidi, ma gli autisti debbono avvertite immediatamente la centrale perché venga immediatamente fatto partire un secondo autobus nel caso in cui rimanga a piedi qualcuno”.

  • Lo stesso assessore risponde sul mancato rimborso degli abbonamenti non utilizzati, ricordando quanto già detto e ridetto più volte.

“Ritengo dovere dello Stato farsi carico di questo problema. Per questa ragione ho fatto mettere all’ordine del giorno della Commissione Trasporti della Conferenza Stato Regioni questo problema, sono intervenuto, e tutte le Regioni d’Italia all’unanimità hanno convenuto di sollecitare il Governo ad emanare una disposizione in tal senso. Nel caso verranno rilasciati dei voucher da utilizzare per i prossimi abbonamenti o, nel caso di ultimo anno, la somma dovuta, proporzionata al periodo di effettivo mancato utilizzo, dovrà essere liquidata allo sportello. Appena avrò notizie – conclude Melasecche – provvederò ad effettuare una comunicazione”. 

Il voucher dimenticato, Peltristo scrive ancora su situazione abbonamenti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*