Tutti a scuola, 120 autobus in più, in moto anche i mezzi di aziende private

 
Chiama o scrivi in redazione


Tutti a scuola, 120 autobus in più, in moto anche i mezzi di aziende private

Tutti a scuola, 120 autobus in più, in moto anche i mezzi di aziende private

Nessun ingresso scaglionato nelle superiori. Le classi prime e quinte da lunedì 26 saranno in presenza al 100 per cento, mentre le altre al 50 per cento. E’ quanto stabilito nell’incontro di ieri mattina con la dirigente scolastica regionale, Antonella Iunti, i sindacati e i dirigenti scolastici. La notizia viene anticipata dalla Nazione Umbria

Il mancato ingresso e uscita scaglionati (alle 8 e alle 10 e alle 13 e alle 15) costringerà la Regione a mettere in campo almeno 120 autobus in più rispetto ai 612 che attualmente si mettono in moto tutte le mattine.

La norma che prevede infatti che nei pullman la capienza massima sia del 50% resta e quindi Busitalia sarà costretta a rivolgersi ai privati per far fronte alla maggiore richiesta. Il tutto dovrebbe essere ratificato da un incontro a cui prenderanno parte il vicesindaco di Perugia, Gianluca Tuteri, il prefetto di Perugia Armando Gradone, l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Melasecche e il dirigente dell’Ufficio scolastico regionale Iunti.

Gli studenti positivi degli istituti scolastici umbri, intanto, a mercoledì 21 aprile sono 41 (erano 39 lo scorso venerdì). Lo comunica la Regione Umbra alla data del 22 aprile. I cluster aumentano da 2 a 6, in particolar modo nelle scuole primarie e secondaria di primo grado. Il personale positivo sale da una a due persone, mentre le classi in isolamento passano dalle 16 della scorsa settimana alle 22 odierne (5 in più nelle scuole primarie). I contatti stretti di classe in isolamento sono ora 479 (erano 341). Gli alunni attenzionati – sottoposti a sorveglianza sanitaria e tampone antigenico senza quarantena – sono 884. Venerdì erano 526.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*