Crocifisso in aula, il caso di Terni, un mese di tempo per decidere

 
Chiama o scrivi in redazione


Finalmente il Crocefisso dentro la Sala del Consiglio Comunale di Perugia

Crocifisso in aula, il caso di Terni, un mese di tempo per decidere

La decisione della Cassazione sul ricorso di un docente di Terni è attesa per la prossima settimana. Il professore aveva avviato una causa contestando la sanzione disciplinare della sospensione per 30 giorni inflittagli nel 2009 dall’ufficio scolastico provinciale per aver rimosso il crocifisso da un’aula scolastica.

La vicenda risale a ben 12 anni fa. Nei primi due gradi di giudizio, ha visto confermata la sospensione di trenta giorni dall’attività didattica. Il docente, quindi, si è rivolto ai giudici del “Palazzaccio”.

Lo stesso docente, qualche anno dopo, è stato nuovamente sanzionato in via disciplinare per lo stesso motivo in un altro Istituto scolastico superiore della città.

«Il professore – si legge nell’ordinanza interlocutoria con cui la sezione lavoro della Corte, nel settembre scorso, ha trasmesso gli atti alle sezioni unite – invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa», aveva «sistematicamente rimosso il simbolo prima di iniziare la lezione, ricollocandolo al suo posto solo al termine della stessa».

Secondo i giudici d’appello, l’esposizione del crocifisso «non aveva limitato la libertà di insegnamento» e «non è lesiva di diritti inviolabili della persona, né è, di per sé sola, fonte di discriminazione tra individui di fede cristiana e soggetti appartenenti ad altre confessioni religiose».

Nell’ordinanza di rimessione alle Sezioni Unite, i giudici della sezione lavoro della Cassazione osservano invece che le tematiche sollevate dall’insegnante nel suo ricorso siano «di particolare importanza», in ragione «dei diritti che vengono in rilievo». «Ci si può chiedere se, a fronte della volontà manifestata dalla maggioranza degli alunni e dell’opposta esigenza resa esplicita dal docente, l’esposizione del simbolo – si interrogano i giudici – non si potesse realizzare una mediazione fra le libertà in conflitto, consentendo, in nome del pluralismo, proprio quella condotta di rimozione momentanea del simbolo della cui legittimità qui si discute». Ad ogni modo gli ermellini ricordano che «l’esposizione del crocefisso nelle aule scolastiche non è imposta da disposizioni di legge ma solo da regolamenti, risalenti nel tempo, applicabili alle scuole medie inferiori». /Fonte: Il Dubbio e La Nazione Umbria/

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*