Collestrada, catturati e abbattuti nove cinghiali durante una battuta

 
Chiama o scrivi in redazione


Scooter contro cinghiale
cinghiale

Collestrada, catturati e abbattuti nove cinghiali durante una battuta

Le scorribande dei cinghiali, anche in gruppi di decine di esemplari, non conoscono tregua, anzi si stanno sempre più moltiplicando. Nove cinghiali sono stati abbattuti questa mattina durante una battuta avvenuta nella zona di Collestrada, a ridosso dell’omonimo paese e all’interno del Parco Urbano di Collestrada e dei limitrofi incolti fra il Canile sanitario ASL2 ed il Centro di raccolta comunale Collestrada.

La regione dell’Umbria e ATC Perugia 2 cercano di fare di tutto per risolvere il problema dei cinghiali.

Fauna selvatica che crea danni alle coltivazioni agricole oltre a costituire un pericolo effettivo per la sicurezza stradale e un reale rischio per la pubblica incolumità. Questi animali sono causa di gravi incidenti stradali: spesso si avvicinano alle abitazioni o alle persone.

Il comune di Perugia, in seguito alla determina della regione Umbria, ha emesso un’ordinanza per la disciplina delle misure necessarie al contenimento degli ungulati appartenenti alla famiglia dei cinghiali, mediante operazioni ed interventi atti a realizzarne la cattura o l’abbattimento.

L’incarico è stato affidato alla Polizia Locale in collaborazione con i competenti uffici della Regione Umbria e con l’Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 (ATC PG2), che si sono avvalsi di cacciatori appositamente autorizzati. Erano presenti due squadre di cinghialisti dell’ATC Perugia 2, Cacciatori della Piscille San Vito e altri cacciatori della Cinque Cerri di Bettona e componenti della task force ATC Perugia 2 e un altro gruppo di cacciatori vari della zona di ripopolamento e cattura di Collestrada per un totale di oltre 50 persone.

Il responsabile dell’intervento era Federico Franchi referente del gruppo creato dall’ATC Perugia 2. La vigilanza dell’area durante la battuta è stata svolta da guardie giurate volontarie venatorie delle associazioni Enalcaccia e da Anuu Migratoristi coordinati da Eraldo Martelli che hanno svolto il servizio gratuitamente e poi ancora carabinieri forestali, polizia locale di Perugia e Torgiano.

Tutte le operazioni si sono svolte in maniera regolare, rispettando le normative anticovid.

Il ricavato della battuta è stato donato alle organizzazioni ed associazioni del posto, alla proloco e a tutti quelli che hanno collaborato volontariamente e gratuitamente a spese loro.

 

La regione dell’Umbria e ATC Perugia 2, cercano di fare di tutto per risolvere il problema dei cinghiali, sia perché creano danni all’agricoltura, sia per la sicurezza delle persone quando questi animali si avvicinano troppo alle case o strade provocando incidenti stradali con danni ingenti alle auto, oltre al rischio dell’incolumità delle persone. Danni che non vengono più pagati dalla regione pertanto il consiglio è quello di aggiungere all’assicurazione del proprio veicolo anche quella da incidenti causati da animali selvatici.
Un’auto danneggiata da un cinghiale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*