C’è posta per lei…, ecco una nuova truffa ad anziani, ma viene arrestato

 
Chiama o scrivi in redazione


Ubriaco fradicio aggredisce i Carabinieri, arrestato e processato

C’è posta per lei…, ecco una nuova truffa ad anziani, ma viene arrestato

© Protetto da Copyright DMCA

“C’è posta per Lei!”… sono le parole “di servizio” proferite da un uomo, 49enne, di origini campane, a un’anziana signora, 87enne, perugina; parole a premessa di un piano criminoso, finalizzato a riscuotere dalla donna un’ingente somma di denaro, asseritamente dovuta dalla medesima per il pagamento di imprecisata merce che sarebbe stata ordinata da suoi famigliari.

Sono le 10.30, immediata periferia perugina… L’uomo, dopo aver avvicinato l’innocente signora, intenta a gettare l’immondizia in un cassonetto di fronte alla propria abitazione, la informa che, dovendo consegnarle della merce, asseritamente ordinata da famigliari dell’anziana donna, per la “modica” cifra di 1.500,00 euro, sarebbe stato necessario corrispondergli la somma dovuta.

Appurato che la vittima non dispone del denaro richiesto, il malvivente la convince a salire a bordo dell’autovettura a lui in uso, per accompagnarla presso una banca ubicata nei paraggi. La donna, ancora un po’ stranita e confusa, dopo aver prelevato dal citato istituto di credito la somma di 1.500,00 euro, fa nuovamente ingresso nell’autovettura e consegna il denaro al suo aguzzino; tuttavia, durante il tragitto di ritorno, il veicolo viene intercettato dai Carabinieri della Stazione di Ponte San Giovanni, ai quali la donna racconta dell’accaduto, ancora convinta della buona fede dell’uomo.

Ai militari, invece, la situazione è fin troppo chiara…e, dopo aver recuperato e restituito alla signora la somma di denaro, traggono in arresto il 49enne, con precedenti specifici, nella flagranza del reato di truffa aggravata.

Gli occhi straniti della donna osservano l’aguzzino entrare a bordo della gazzella…ora è tutto chiaro anche a lei. I Carabinieri la accompagneranno a casa e la tranquillizzeranno…ne ha assoluta necessità…; quell’uomo, più ché sottrarle una somma di denaro, era in procinto di depredarla della sua dignità e della sua innocenza. Il medesimo, dopo essere stato trattenuto in camera di sicurezza, nella mattinata odierna è stato condotto innanzi all’Autorità Giudiziaria perugina che, dopo averne convalidato l’arresto, ha applicato nei suoi confronti le misure cautelari dell’obbligo di firma alla p.g. e di dimora nel proprio comune di domicilio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*