Bomba d’acqua a Ferentillo, Terria, Sambucheto, Macenano e Monterivoso |FOTO

Valnerina ternana in ginocchio, colpito duramente il territorio, allagamenti, grane e smottamenti

Bomba d'acqua a Ferentillo, Terria, Sambucheto, Macenano e Monterivoso

Bomba d’acqua a Ferentillo, Terria, Sambucheto, Macenano e Monterivoso |FOTO

Case allagate e paesi isolati, questo il resoconto di due giorni di bombe d’acqua a Ferentillo. Una serie di bombe d’acqua hanno infatti creato ingenti danni in tutto il territorio comunale, dove la perturbazione, che sta attraversando il centro Italia da sabato, si è accanita particolarmente con forti precipitazioni durante la notte di domenica e per tutta la giornata di lunedì.

Delle vere e proprie bombe d’acqua in successione, con quasi 190 mm di acqua caduti in 24H (fonti ufficiali), che oltre ad avere aumentanto velocemente la portata del fiume Nera e dei suoi torrenti hanno causato frane e allagamenti.



Particolarmente allarmante la situazione a Monterivoso dove la strada per accedere al paese è stata chiusa al traffico dalla Provincia di Terni a causa di massi caduti e alcuni ancora pericolanti. A Sambucheto vere e proprie frane hanno letteralmente avvolto le strade, così come lungo il tratto dela Greenway che va da Umbriano a Macenano dove l’acqua è andata ad invadere e a scavare un enorme solco sulla strada sterrata allagando alcune case e relativi annessi agricoli.

Il fosso a Terria, ostruito da ieri sera il canale sotto il ponte con tonnellate di detriti, è uscito dal suo alveo ed ha così allagato tutto il paese che si trova nelle immediate vicinanze.

Anche in alta montagna i danni non sono pochi, con le vie utilizzate dai pascoli e i sentieri escursionistici danneggiati e per ora impraticabili.

Tanti i disagi per gli abitanti rimasti isolati o con le case allagate, per gli agricoltori e gli allevatori, come tanta la paura per chi ha visto dei piccoli torrenti quasi secchi trasformarsi in veri e propri fiumi di fango e pietre.

I danni non sono ancora quantificabili e si sprovvederà in questi giorni a mettere in sicurezza nei tempi più veloci le aree maggiormente in emergenza, ma quello che è certo è che serviranno aiuti extra per riportare tutto alla normalità e soprattuto per far si che questa situazione non si ripresenti con le prossime perturbazioni invernali.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
15 × 4 =