Bimbo morto in piscina, era senza braccioli, tre indagati, due molto giovani

 
Chiama o scrivi in redazione


Bimbo morto in piscina, era senza braccioli, tre indagati, due molto giovani
Carabinieri Città di Castello

Bimbo morto in piscina, era senza braccioli, tre indagati, due molto giovani

Tre indagati per la tragedia nel centro estivo a Città di Castello, dove ha perso la vita Gianmaria: il bambino di quasi 6 anni annegato nella piscina al campus. Omicidio colposo è l’ipotesi preliminare della procura di Perugia che ha aperto un fascicolo indagando l’amministratore unico del centro e due giovani operatori di 19 e 22 anni che avevano in custodia i piccoli. Ipotesi da chiarire attraverso le indagini dei carabinieri della compagnia di Città di Castello, guidati dal Capitano Giovanni Palermo. Sarà comunque l’autopsia disposta, dal procuratore aggiunto Giuseppe Petrazzini, al medico legale, Massimo Lancia, a chiarire.

Gli investigatori stanno cercando di ricostruire la tragedia sentendo gli adulti presenti nella struttura al momento della tragedia. Dai primi risultati sembra emergere che Gianmaria era in mezzo alla vasca senza braccioli e dall’esame sarebbe emersa l’assenza di altre patologie del minore. Stando alle indiscrezioni sarebbe stato un altro bambino a dare l’allarme. Il piccolo era stato tirato fuori dall’acqua in attesa dell’arrivo dei sanitari del 118 che hanno fatto di tutto per rianimarlo, ma senza alcun esito. L’impianto di videosorveglianza è stato sequestrato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*