A Fontivegge, lei a lui, «Tu Muori, tu muori stasera, moriremo insieme» |Video

A Fontivegge, lei a lui, «Tu Muori, tu muori stasera, moriremo insieme» |Video

Ciò che si sente, e i parte si vede, nel video inviatoci dall’agente notturno, Lorenzo Brunetti (Progetto Fontivegge) fa rabbrividire. Una donna si scaglia contro un uomo attorno alle 22 lungo via Mario Angeloni a Perugia. Prima si sente lei che piange e poi dalle lacrime passa alle urla. Forse una coppia di tossicodipendenti o di ubriachi, “entrambi non si reggevano” in piedi, scrive Lorenzo.



La lite, a parole, sembra essere cominciata direttamente nei pressi della transitatissima strada, all’altezza dell’ufficio postale. Sono entrambi vicini ad un albero, si vede e si sente, come dicevamo, lei che piange e urla.

Fatto sta che ad un certo punto l’alterco si trasforma in lite furibonda.

«Tu Muori, tu muori stasera, moriremo insieme», parole spaventose e tristi allo stesso tempo. «Poi – racconta il membro di Progetto Fontivegge – la ragazza si toglie il maglione e continua a prendere schiaffi il ragazzo».

Tutto quel disastro di urla e strepiti in una serata che, dato il freddo non è che vedesse troppa gente in giro, allertano uno dei residenti che prende su il telefono e avvisa i Carabinieri. Una pattuglia che, per altro, era già in zona come predisposto dal colonnello comandante dell’Arma provinciale di Perugia Giovanni Fabi, arriva in un attimo.

All’arrivo dei Militari scappano? Questo non lo sappiamo, anche perché non ci viene specificato, ma di certo è la pattuglia servita a riportare la calma. L’impegno che i cittadini – stremati da questo stato di cose – mettono per “proteggere” la loro Fontivegge può anche essere una delle “chiavi di volta” per cercar di risollevare le sorti del quartiere.

«Ringrazio il residente per la segnalazione – scrive Brunetti -, residente che preferisce mantenere l’anonimato, continua la collaborazione attiva dei cittadini con il gruppo Facebook PROGETTO FONTIVEGGE, sempre vigili nel controllo del vicinato».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*