Vaccini AstraZeneca agli avvocati, verificare chi ha autorizzato procedura

Chiedono: Fabio Paparelli, Tommaso Bori e Simona Meloni (Pd)

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid, vaccini anche nelle farmacie già a partire da maggio

Vaccini AstraZeneca agli avvocati, verificare chi ha autorizzato procedura

Verificare chi ha autorizzato quella procedura, sulla base di quali criteri preordinati, quali categorie professionali siano state realmente interessate, con quali modalità e come mai siano state vaccinate talune persone rispetto ad altre, con molta improvvisazione e parzialità anche all’interno delle stesse categorie”. Questo l’obiettivo della richiesta di accesso agli atti presentata dai consiglieri regionali Fabio Paparelli, Tommaso Bori e Simona Meloni (Pd) relativamente “all’avvenuta somministrazione, ieri, di dosi eccedenti del vaccino AstraZeneca, avvenuta con opacità, confusione e mancanza di trasparenza, in modo parziale ad alcune persone appartenenti a una o più categorie professionali (cosa ancor più grave)”.

© Protetto da Copyright DMCA

“L’accesso agli atti – spiegano i consiglieri Pd – è rivolto alla presidente della Giunta regionale e ai direttori coinvolti di Regione e Asl, e scaturisce da quanto avvenuto nella giornata di ieri. Gli umbri hanno dovuto prendere atto, per l’ennesima volta, di quale sia il livello di disorganizzazione e pressappochismo con cui la Regione sta gestendo questa emergenza sanitaria e adesso anche l’attuale piano vaccinale, come noi denunciamo da tempo. Riteniamo opportuno mettere tutti a conoscenza degli atti che sono stati compiuti, da chi sono stati istruiti, sia relativamente all’individuazione delle categorie che delle persone prioritarie da vaccinare il giorno 21 marzo 2021. Sulla base di quali effettive eccedenze sono stati coinvolti gli ordini professionali o di categoria, o parti di questi soggetti a discapito degli anziani, dei fragili e di tutti i lavoratori più esposte al rischio di contagio”.

“In particolare – proseguono gli esponenti dell’opposizione – intendiamo fare chiarezza su chi è stato effettivamente raggiunto da una comunicazione ufficiale di convocazione e quanti di loro hanno ricevuto il vaccino. Occorre trasparenza su una vicenda che evidenzia nettamente come l’iter messo in campo dalla Giunta Tesei sia contrario anche alle indicazioni del ‘Commissario nazionale all’emergenza’, generale Figliuolo, che chiede di concentrare tutti gli sforzi sul coinvolgimento di anziani e fragili, attraverso la chiamata diretta delle Asl in base a ‘liste di riserva’ elaborate con dei criteri di appartenenza alle fasce indicate dal piano vaccinale e a persone già inserite nelle piattaforme regionali, così come peraltro stiamo chiedendo da tempo. Auspichiamo – concludono – che anche l’annunciato invio di osservatori nella nostra Regione dallo stesso Commissario nazionale serva a ristabilire la necessaria correttezza”. RED/mp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*