Romizi appoggia le scelte anti covid intraprese dalla Regione

 
Chiama o scrivi in redazione


Forza Italia-Umbria, sostegno del Coordinamento Regionale

Romizi appoggia le scelte anti covid intraprese dalla Regione

In questa difficile gestione di ondata pandemica, le azioni intraprese dalla Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, insieme alla Giunta Regionale, hanno il nostro pieno appoggio e sostegno. Questo è il momento di mettere in campo tutte le nostre energie in maniera sinergica e coesa, per superare questa emergenza globale, senza alimentare polemiche più o meno insistenti, siamo tutti coinvolti e tutti siamo stati travolti da questa ondata senza precedenti.

La Giunta regionale ha quadruplicato il numero dei tamponi rispetto alla fase uno, e portato l’Umbria in questa fase pandemica, come quarta regione per rapporto tamponi/abitanti. Inoltre, proprio per poter continuare a mettere in campo tracciamenti efficienti dei contatti dei positivi si è attivato un accordo con l’Università che metterà a disposizione 150 persone per rafforzare ancora di più il contact tracing.

Oltre a questo è chiaro l’impegno sulle terapie intensive e sul nascente ospedale da campo. Infine proprio questa mattina, come anticipato nei giorni scorsi dalla Presidente Tesei, la Giunta regionale ha approvato le prime convenzioni con Federalberghi-Confcommercio e con l’Hotel Melody per il reperimento immediato di strutture per l’isolamento di soggetti positivi al COVID-19, al fine di garantire la piena funzionalità delle strutture ospedaliere, nonché di soggetti per i quali è stato disposto l’isolamento fiduciario, sulla base delle indicazioni della ASL territorialmente competente. Già operativo è invece Villa Muzi di Città di Castello.

Le due convenzioni di oggi rientrano nell’ambito di un accordo quadro, promosso dalle Direzioni sanità e governo del territorio della Regione Umbria, con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative delle strutture alberghiere della regione.

Siamo consapevoli della grave situazione che stiamo vivendo e seguiamo con preoccupazione tutti gli sviluppi legati alla gestione dell’emergenza, per comprendere quelli che saranno i futuri scenari che ci troveremo ad affrontare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*