UmbriaLibri lancia il progetto “Scrittore Residente” per 7 autori

vivranno esperienze nei borghi dell'Umbria

UmbriaLibri lancia il progetto "Scrittore Residente" per 7 autori

UmbriaLibri lancia il progetto “Scrittore Residente” per 7 autori

UmbriaLibri lancia – Nel periodo compreso tra ottobre e novembre, Umbria vedrà arrivare sette autori come parte del progetto “Scrittore Residente”. Questa iniziativa è stata ideata dal direttore artistico di UmbriaLibri, Angelo Mellone, e mira a far conoscere la regione attraverso gli occhi di scrittori che vivranno esperienze dirette nei suoi borghi.

I sette autori verranno ospitati in diversi comuni dell’Umbria, dove avranno l’opportunità di immergersi completamente nella vita e nella cultura locali per alcuni giorni. Al termine del loro soggiorno, ogni scrittore scriverà un racconto basato sulle sue esperienze, che verrà poi pubblicato in un volume a fine anno. Questo libro rappresenterà un dono speciale di UmbriaLibri ai territori che hanno ospitato gli autori, proprio in tempo per le festività natalizie.

La scrittrice Annalisa De Simone sarà la prima a partecipare al progetto, soggiornando dal 5 al 7 ottobre nelle Terre dell’Olio e del Sagrantino. Seguiranno altri autori, tra cui Andrea Caterini, Flavia Piccinni, Yari Selvetella, Carmen Pellegrino, Costanza Di Quattro e Andrea Di Consoli, ciascuno dei quali vivrà un’esperienza unica in un diverso comune umbro.

Oltre a scrivere i loro racconti, gli scrittori saranno coinvolti in attività e laboratori nelle scuole locali nell’ambito del progetto “Scrittori nelle scuole”. Questa iniziativa, curata dalla Regione Umbria, UmbriaLibri e il Centro per il Libro e la Lettura del Ministero della Cultura, mira a promuovere la lettura e la scrittura tra i giovani, offrendo loro l’opportunità di incontrare gli autori e condividere con loro la passione per le parole.

Il progetto “Scrittore Residente” rappresenta un modo innovativo e coinvolgente per esplorare l’Umbria attraverso la narrativa e per promuovere la cultura e la letteratura locali.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*