Riapre il Post in sicurezza, dopo un lungo periodo di chiusura a causa covid 📸 FOTO e VIDEO 🔴

 
Chiama o scrivi in redazione


Riapre il Post in sicurezza, dopo un lungo periodo di chiusura a causa covid

M@c R-Evolution – Storia della Mela che ha cambiato il Mondo è il titolo della mostra che, dall’8 Maggio 2021, in concomitanza con l’apertura del Museo, sarà fruibile negli spazi del POST, che riaprirà le sue porte al pubblico dopo 14 mesi dalla chiusura imposta dall’emergenza sanitaria.

L’INAUGURAZIONE – Il via ufficiale è stato dato dal Presidente del Post Francesco Gatti e dalla direttrice Anna Rebella, alla presenza del Sindaco Andrea Romizi e degli assessori comunali Bertinelli, Giottoli, Pastorelli e Tuteri, dell’assessore regionale Michele Fioroni, della consigliera della Provincia di Perugia Erika Borghesi e di molte altre personalità del mondo accademico, imprenditoriale e istituzionale cittadino nella mattina di sabato 8 maggio.

DICHIARAZIONI – “Il Post è abituato a essere messo alla prova, ma anche questa volta non si è fermato. -ha tenuto a sottolineare, aprendo la cerimonia di inaugurazione della mostra, il presidente Gatti- Grazie a tutto lo staff della Fondazione e al Cda, abbiamo potuto continuare a essere un punto di riferimento della comunità perugina, nonostante la pandemia. Numerose sono state le attività -ha aggiunto- che nel corso di questo anno sono state realizzate per i più piccoli, nel rispetto totale delle regole, che ha fatto si che non vi sia stato nessun contagio, così come molteplici sono le collaborazioni avviate con altre istituzioni culturali della città, con l’obiettivo di costruire le basi per relazioni importanti per il futuro del Post e della sua attività.”

Proprio da questo ultimo aspetto è partito anche l’intervento del Sindaco Romizi, che ha tenuto a evidenziare la capacità del Post di aver messo insieme competenze ed energie, con una condivisione di intenti tanto più importante in questo periodo. “I nostri bambini -ha detto Romizi- hanno vissuto le tante attività messe in campo dal Post con grande beneficio, seppur con tutte le limitazioni del caso. Non posso che essere soddisfatto per questa ripartenza, nella consapevolezza del valore del Post, della sua storia e delle persone che questa storia l’hanno fatta.” ha concluso il Sindaco, annunciando anche altri progetti che potrebbero concretizzarsi a breve.

LA MOSTRA – L’esposizione, con il patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Perugia e dell’Università degli Studi di Perugia, ripercorre l’evoluzione dell’iconico e rivoluzionario marchio Apple, e nasce dalla felice collaborazione nata tra il POST, punto di riferimento della divulgazione scientifica in Umbria, e 2808_MelaCaffè, nelle persone di Federico Santucci e Massimo Mariottino, ideatori dell’iniziativa.

Santucci e Mariottino vengono da una pluriennale esperienza nel mondo dell’informatica e delle telecomunicazioni e negli anni hanno conservato e collezionato svariati modelli di computer, periferiche e device Apple (ma non solo) che raccontano lo sviluppo e l’integrazione dell’informatica in generale e di Apple nello specifico. Questa passione comune ha creato in loro il sogno di trovare un luogo dove raccogliere la storia di questa lunga esperienza e metterla a disposizione del pubblico, sogno accolto dall’amministrazione comunale perugina nella persona dell’Assessore Gabriele Giottoli che ha individuato proprio nel Museo per la Scienza e la Tecnologia cittadino, l’interlocutore adatto per trasformare l’idea in un percorso espositivo.

Il c.d.a. del POST e il suo presidente Francesco Gatti hanno da subito accolto e sostenuto con entusiasmo il progetto e, grazie al rilevante sostegno di Confimi Industria Umbria ed in particolare di Officine Creative Italiane, che si occupa degli strategici aspetti della grafica-multimedia e della comunicazione, si è subito creato un tavolo di lavoro operativo per mettere a sistema idee e risorse che hanno condotto al progetto finale.

Il museo, oltre ad accogliere l’esposizione, sarà un luogo di incontro con eventi collaterali, culturali e divulgativi che completeranno, dal punto di vista scientifico e tecnologico, il percorso storico.

La mostra si dividerà in due diverse sezioni:

1- STORICA – spazio espositivo, pensato per un pubblico di giovani e adulti curiosi. La storia di Apple verrà raccontata attraverso i principali prodotti lanciati sul mercato simboli di rivoluzione in ambito tecnologico e digitale a livello mondiale, amplificata da immagini iconiche proiettate nell’Area immersiva;

2- ESPLORATIVA – Smonting Area per i più piccoli dove, attraverso l’esperienza formativa del disassemblaggio e rimontaggio, immagini e giochi, sarà possibile avvicinarsi in maniera nuova e divertente al mondo del pc e di quei dispositivi digitali che fanno oramai parte integrante della nostra vita. Bambini e ragazzi (ma anche curiosi di tutte le età) in un percorso a tappe potranno montare e smontare un computer per scoprire cosa “nasconde”, comprendere come “pensa” o imparare ad utilizzare il codice binario in maniera creativa.

Alla mostra, che si svolgerà nel pieno rispetto dei protocolli imposti dall’emergenza sanitaria nazionale, si accompagneranno proiezioni di filmati su schermi tradizionali e all’interno dell’innovativo spazio immersivo con multivisione a 360°, un luogo in cui il visitatore sarà coinvolto in un’esperienza unica dove il virtuale entra in scena e lo spettatore diventa il protagonista.

Particolare attenzione, in linea con la filosofia adottata negli ultimi anni dal POST, sarà posta sull’accessibilità del percorso espositivo, integrato da materiali di visita e fruizione per adulti e bambini con difficoltà visive.

Per amplificare la portata e scalare la visibilità a livello regionale, la mostra è concepita come un percorso itinerante e verrà inserita all’interno degli eventi del DigiPASS di Perugia, lo spazio comunale aperto al digitale e gestito dal POST, in connessione con gli altri DigiPASS presenti nel territorio umbro.

REVOLUTION LAB – Tra gli eventi collaterali alla mostra, durante la permanenza al POST, un’attenzione particolare verrà data ai più giovani attraverso la proposta di esperienze laboratoriali che coniugheranno la creatività con le applicazioni tecnologiche e digitali. Importante l’integrazione tra l’esperienza in divulgazione scientifica degli esperti del POST e la possibilità di usufruire dei macchinari altamente specializzati nella fabbricazione digitale che sono parte integrante dello spazio fablab del Digipass Perugia.

Per la durata dei laboratori i genitori saranno coinvolti in visite guidate o incontri di approfondimento sulle tematiche afferenti la mostra, grazie alla partecipazione di vari esperti.

I laboratori si svolgeranno rispettando accuratamente i protocolli per il contenimento della diffusione del contagio SARS-CoV-2 e avranno una durata variabile da 60 a 90 minuti, con la guida di un esperto del POST.

Si svolgeranno in maniera diversificata e adattata a due diverse fasce d’età (3-5 anni e 6-11 anni) per un massimo di 10 bambini a gruppo (capienza 40 bambini a giornata).

Il programma prevede i seguenti appuntamenti che verranno proposti due volte al mese, a partire dalla data di apertura:

Si inizia l’8 e il 9 maggio con il laboratorio Robot Emotivi.

L’attività, partendo da un confronto su robot, computer e Intelligenza Artificiale, permette poi di iniziare a familiarizzare con le tecniche della fabbricazione digitale, apprendendo le fasi progettuali che portano alla realizzazione di un prototipo. Dal progetto iniziale, passando dalla sua realizzazione grafica attraverso un software di modellizzazione 3D, si arriva alla concretizzazione del prototipo con l’utilizzo di una laser-cut. Ogni ragazzo personalizzerà il progetto realizzando il viso del proprio robot con un’espressione emotiva a scelta. L’incontro sarà quindi anche occasione di una riflessione sulle emozioni e la loro espressione. Per i genitori anche un incontro di approfondimento, con il coinvolgimento di uno psicologo, con focus sull’espressione delle emozioni da parte di bambini e ragazzi rapportata al ruolo dei genitori nella gestione corretta dell’emotività.





 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*