La musica da balletto del Settecento al Teatro Morlacchi di Perugia

La musica da balletto del Settecento al Teatro Morlacchi di Perugia

La musica da balletto del Settecento al Teatro Morlacchi di Perugia

La musica da balletto del Settecento – con le sue meraviglie sonore – sarà protagonista del prossimo concerto degli Amici della Musica di Perugia, atteso per martedì 19 febbraio 2019 al Teatro Morlacchi di Perugia. Il concerto sarà eseguito da un’orchestra di fama internazionale, Les Musiciens du Louvre, guidati da Marc Minkowski, che offriranno il «gioiello» che Gluck dedicò al balletto drammatico nel 1761, la sua versione musicale del Don Giovanni.

Minkowski ha voluto poi intitolare «Une Symphonie imaginaire» la sua personale antologia di pagine orchestrali tratte dalle opere teatrali di Rameau, che alla sua uscita discografica ha conquistato una universale ammirazione.

Il concerto si terrà martedì 19 febbraio 2019 alle ore 20:30 al Teatro Morlacchi di Perugia.

Sarà dunque un programma molto accattivante quello proposto da Les Musiciens du Louvre, un’autentica festa del ballo settecentesco. Il Don Giovanni (Don Juan) di Christoph Willibald Gluck, è stato una pietra miliare della storia del balletto, un ballet d’action narrativo – impostato, coreografato e danzato dal maître fiorentino Gaspare Angiolini – che approdò ben presto in numerosi teatri europei. La trama, tratta dalla comédie di Molière, è quella familiare a tutti dal Don Giovanni di Mozart/Da Ponte.

Nella seconda parte del concerto il direttore Minkowski ha preparato una «Sinfonia immaginaria», un lussuoso pot-pourri di pagine di Jean-Philippe Rameau, tratti da tragédies lyriques, opéra-ballets e divertissements, che contengono un vasto caleidoscopio di balli, da un lato eleganti e nobili, dall’altro vivaci e rustici. Una «tela composita», dai colori timbrici ricchissimi, di uno dei più grandi «pittori in musica». Lavori di raro ascolto, che entusiasmeranno l’ascoltatore.

*** *** ***

Les Musicians du Louvre

Fondato nel 1982 da Marc Minkowski, l’ensemble Les Musicians du Louvre si occupa del repertorio barocco, classico e romantico. Con un’attività trentennale, l’Orchestra è famosa per la sua reinterpretazione delle opere di Haendel, Purcell e Rameau, ma anche di Haydn e Mozart o, più recentemente, Bach e Schubert. È anche nota per la sua interpretazione della musica francese del XIX secolo: Berlioz (Les Nuits d’été, Harold in Italia), Bizet (L’Arlesienne), Massenet (Cendrillon).

Tra i suoi più recenti successi operistici vi sono Orfeo ed Euridice

Tra i suoi più recenti successi operistici vi sono Orfeo ed Euridice di Gluck (Salisburgo, MC2: Grenoble), Alceste (Paris Opera), Armida (Vienna State Opera) e Alcina di Haendel (Staatsoper di Vienna), Gala Mozart per i 30 anni dell’orchestra, i Racconti di Hoffmann di Offenbach (Salle Pleyel) Platée di Rameau (regolarmente in cartellone all’Opera di Parigi dal 1999), Der fliegende Holländer di Wagner (Opéra Royal de Versailles, MC2: Grenoble , Konzerthaus di Vienna, Palau Música di Barcellona, ​​ Theater an der Wien), Die Fledermaus di Strauss (Opéra-Comique), Lucio Silla di Mozart (Mozartwoche, Festival di Salisburgo, Musikfest Bremen) , Le Nozze di Figaro (Teatro an der Wien, Opéra Royal di Versailles) e Don Giovanni (Opéra Royal di Versailles).

Nella passata Stagione Bach è stato al centro del repertorio de Les Musicians du Louvre

Nella passata Stagione Bach è stato al centro del repertorio de Les Musicians du Louvre per quattro tournées europee (l’Oratorio di Natale, le Cantate con Anne-Sofie von Otter, i Concerti Brandeburghesi e La Passione secondo Matteo). A Parigi, l’orchestra ha suonato due opere mozartiane, una equestre, il Requiem con Bartabas alla Seine Musicale, l’altra, Così fan tutte, diretta da Ivan Alexandre alla Opéra Royal di Versailles, poi in versione da concerto a Grenoble. A Grenoble, l’orchestra ha celebrato Haendel – il concerto di apertura con Dixit Dominus presso la cattedrale di Notre Dame. La Symphonie Imaginaire di Rameau diretta da Marc Minkowski è stata eseguita all’Auditorium Olivier Messiaen.

In residence a Isère dal 1996, finanziati dal Dipartimento dell’Isère, la regione Auvergne-Rhône-Alpes e il Ministero della Cultura e della Comunicazione (DRAC Auvergne-Rhône-Alpes), e sostenuti da diverse aziende (Bank Popolare Auvergne-Rhône-Alpes, Air Liquide …),  Les Musicians du Louvre promuovono molti progetti per condividere la musica sul territorio.

Marc Minkowski

Marc Minkowski si avvicina molto giovane alla direzione d’orchestra e fonda, all’età di 19 anni, Les Musiciens du Louvre, ensemble che prende parte attiva alla rinascita barocca, e con la quale affronta il repertorio francese, Haendel, Mozart, prima di affrontare Rossini, Offenbach e Wagner.

E’ regolarmente in cartellone a Parigi, con Platée, Idomeneo, Il flauto magico, Ariodante, Giulio Cesare, Ifigenia in Tauride, Mireille, Alceste (Opera Nazionale di Parigi), La Belle Hélène, Granduchessa di Gerolstein, Carmen, Fairies (Théâtre du Châtelet), la Dame blanque, Pelléas et Mélisande, Cendrillon di Massenet e Die Fledermaus di Strauss (Opera Comique).

È inoltre invitato a Salisburgo (Il ratto dal serraglio, Mitridate, Così fan tutte, Lucio Silla), Bruxelles (La Cenerentola, Don Chisciotte, Gli Ugonotti, Il Trovatore), Zurigo (Il Trionfo del Tempo, Giulio Cesare, Agrippina, le Boréades, Fidelio, la Favorita), Venezia (le Domino noir), Mosca (Pelléas et Mélisande), Berlino (Robert le Diable, il Trionfo del Tempo), Amsterdam (Romeo e Giulietta di Gounod, Ifigenia in Aulide e Ifigenia in Tauride , Faust di Gounod), Vienna (Amleto e The Flying Dutchman al Theater an der Wien, Armida e Alcina alla Staatsoper), Aix-en-Provence (l’Incoronazione di Poppea, le Nozze di Figaro, il Ratto dal serraglio, Idomeneo, Don Giovanni e il Turco in Italia). Dalla stagione 2014/2015 è al Covent Garden per Idomeneo e La Traviata e alla Scala per Lucio Silla, L’Enfant et les Sortilèges e l’Heure espagnole. Dirige la trilogia Mozart / Da Ponte al Festival Drottningholm e alla Opéra Royal di Versailles, a partire dal 2015.

Marc Minkowski è ospite di orchestre sinfoniche (Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra e Orchestra di Kanazawa, SO BBC, DSO Berlin, Berlin Philharmonic, Vienna Symphony, Wiener Philharmoniker, Mozarteum Orchestra, Cleveland Orchestra, Orchestra della Radio Svedese, Finlandese Radio Orchestra, Orchestre National du Capitole de Toulouse, Orchestra del Teatro Mariinsky), con le quali il suo repertorio si spinge al XIX e XX secolo.

Direttore artistico della Mozartwoche di Salisburgo tra il 2013 e il 2017, ha fondato nel 2011 il festival “Re Maggiore” su l’Île de Ré. Nel settembre 2016 è stato nominato direttore dell’Opéra National de Bordeaux Aquitaine.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
26 ⁄ 13 =