Imbrattato e ripulito il busto di Guglielmo Miliocchi 🔴 VIDEO



Imbrattato e ripulito il busto di Guglielmo Miliocchi

E’ stato ripulito nel giro di pochissimo tempo il busto dell’antifascista Guglielmo Miliocchi che si trova ai Giardini Moretti Caselli in via Indipendenza, zona Sant’Ercolano. Il busto era stato imbrattato da ignoti. “Scimmia ebrea“, recitava la vernice in rosso scritta sul lato sinistro del busto.

L’atto vandalico, condannato decisamente da tutta l’Amministrazione, offende la comunità perugina e sarà oggetto di indagine accurata da parte della Polizia Locale per risalire al più presto ai colpevoli.

L’opera, realizzata dagli scultori Matteo Peducci e Mattia Savini, è stata la prima di una serie di busti che il Comune ha voluto dedicare a personaggi perugini del Novecento. Nel 2019, a poco più di sessant’anni dalla morte, Perugia volle ricordarlo con il busto marmoreo nei giardini Caselli. «Ho vissuto e muoio nella fede di Giuseppe Mazzini“: così recita la sua lapide.

Miliocchi (la madre era una sarta, il padre calzolaio) nato nel 1873 al Borgo D’Oro dove morirà nel 1958, è stato maestro elementare, combattente garibaldino, politico repubblicano, giornalista, massone, figura indelebile della storia di Perugia.

“Purtroppo di cretini è pieno il mondo ed evidentemente qualcuno vive o passa anche a Perugia. Si possono non condividere le idee altrui che vanno comunque rispettate così come la memoria dei morti. Non si lasci spazio all’odio razziale”. Lo dichiara Emanuele Prisco, deputato di Fratelli d’Italia, commentando la notizia dell’atto vandalico compiuto a Perugia ai danni del busto di Guglielmo Miliocchi.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*