Arpa Umbria, Trasimeno, si conferma la qualità delle acque di balneazione

 
Chiama o scrivi in redazione


Arpa Umbria, Trasimeno, si conferma la qualità delle acque di balneazione

Ogni anno, durante la stagione balneare (1 maggio – 30 settembre), le 15 aree di balneazione nel lago Trasimeno individuate nella Regione sono interessate da una serie di attività di controllo finalizzate sia alla valutazione della conformità delle acque sia alla gestione dei rischi ambientali e sanitari connessi all’uso balneare.
Benché la stagione balneare 2020 sia iniziata con un mese di ritardo rispetto agli anni precedenti in relazione all’emergenza Covid-19 (Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 29 del 29/05/2020), Arpa Umbria ha comunque avviato, fin dal mese di aprile, le attività di campionamento programmate, mettendo a disposizione in tempo reale nel proprio portale e in quello del Ministero della Salute, i risultati analitici del monitoraggio microbiologico effettuato.
Dai dati raccolti fino al mese di luglio 2020 non sono emerse criticità e tutte le aree di balneazione sono risultate conformi all’uso balneare, confermando il trend degli anni passati.
Da anni, infatti, tutte le acque di balneazione del #Trasimeno sono classificate in qualità #eccellente.
Per le sue particolari caratteristiche ecologiche, il Trasimeno è anche oggetto di uno specifico programma di sorveglianza finalizzato al controllo dei fenomeni di proliferazione algale e delle eventuali tossine prodotte. Anche in questo caso, pur in presenza di densità algali significative, non sono mai stati evidenziati fenomeni di tossicità delle acque.

Per saperne di più si può consultare il sito di Arpa Umbria alla pagina https://www.arpa.umbria.it/articoli/qualita-delle-acque-di-balneazione-il-trend-2020

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*