🔴 Video – Rovine Concattedrale Norcia vescovo Boccardo, che il cantiere della ricostruzione cominci  

 
Chiama o scrivi in redazione


Comitato rinascita Norcia, Presidente Conte si è dimenticato dei terremotati

Rovine Concattedrale Norcia vescovo Boccardo, che il cantiere della ricostruzione cominci

«Mi rivolgo alle Istituzioni perché il grande cantiere della ricostruzione imbocchi finalmente il cammino della concretezza», lo ha detto monsignor Renato Boccardo, presidente della conferenza episcopale umbra e arcivescovo di Spoleto Norcia.

Il presule lo ha fatto nel celebrare la messa di Natale tra le rovine causate dai sismi del 2016 della Concattedrale di Santa Maria.

«Perché celebrare una Messa tra i ruderi di una chiesa, fosse anche una Concattedrale?» con questa domanda l’Arcivescovo aveva cominciato la sua omelia.

E naturalmente ha fornito le spiegazioni. «Può essere innanzitutto – ha detto – un esercizio dolce e nostalgico della memoria, che ci riconduce ai Natali prima del terremoto, quando qui si veniva in famiglia a celebrare la nascita del Salvatore. E mentre li accarezziamo con lo sguardo, il volto sfigurato di Santa Maria Argentea e queste pietre accatastate parlano al cuore… Può essere un gesto di solidarietà verso i tanti terremotati. Anche la comunità cristiana ha perduto la sua casa. Qui essa si edificava come popolo di Dio per mezzo dell’ascolto della Parola, la celebrazione dei sacramenti e la testimonianza della carità. E anche Dio ha dovuto lasciare questa casa, privata ormai di luci e di suoni, divenuta muta riproposizione della sorte a Lui toccata il giorno stesso della sua nascita: «non c’era posto per loro nell’alloggio», dice il Vangelo (cf Lc 2, 7).

«La sobrietà del luogo che ci accoglie – ha aggiunto-, preparato per l’occasione senza sottrarre fondi e mezzi destinati ad altre finalità, richiama in maniera eloquente la povertà e la semplicità della grotta di Betlemme. Questa celebrazione – ha detto il Presule – può essere ancora un grido di dolore e di speranza: dolore per il prolungarsi dell’attesa che affievolisce fino a spegnerli sogni e progetti; speranza che, nonostante tutto, mantiene viva la fiducia nell’uomo e nella sua capacità di lavorare efficacemente per l’edificazione del bene comune, al di fuori e al di sopra di interessi e fazioni. Può essere infine una implorazione accorata che sale a Dio affinché continui a prendersi cura provvidente dei suoi figli».

«A Gesù che viene tra noi – ha detto – chiediamo il dono di un’esistenza rinnovata, di una politica con più fiato, di una maggiore attenzione a chi ci sta accanto, di una più grande fiducia nelle istituzioni, meno egoismi privati e più coraggio pubblico, l’apparire di prospettive capaci di giustificare i sacrifici che dobbiamo affrontare, un tempo – ha concluso il Presule – per tutti di concordia, serenità e pace».

«A Natale Gesù bambino nasce per noi; si accosta a noi per rischiarare la nostra vita, per riattizzare i nostri sentimenti spenti, per ridare vigore alle carte ingiallite della nostra memoria».

È lui che scende, che fluisce dentro di noi per rinnovarci interiormente con la grazia del suo Spirito». E’ un altro passaggio dell’omelia della notte di Natale che l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra, mons. Renato Boccardo, ha tenuto nella Basilica Cattedrale di Spoleto. Nella festa di Natale ha detto il Presule «moltiplichiamo gli aggettivi, nel tentativo di comunicare sentimenti che non giungiamo del tutto a fare nostri: parliamo di auguri sinceri, cordiali, fervidi, e i superlativi tradiscono la precarietà degli affetti, la distanza tra le parole e le emozioni che si vorrebbero davvero trasmettere. Esprimiamo voti di salute, pace, felicità, ma non di rado la lingua tradisce la coscienza della caducità di queste parole».

Ha, il Vescovo, insomma la sensazione imbarazzante di indulgere ad un verbalismo di maniera; avvertendo che il cuore non segue come dovrebbe e che le parole non si adeguano.

Eppure, malgrado tutto, non ci rassegniamo completamente a questa svalutazione dei sentimenti, comprendiamo che si dovrebbe ritrovare la gioia di qualcosa di vero, di genuino, di semplice. È probabilmente anche per questo che siamo venuti in chiesa questa notte, con qualche speranza nascosta sotto la cenere di stanchezze e di delusioni: vorremmo che qualcosa accadesse, che il mistero si rivelasse a noi, che potessimo ritrovare l’innocenza e la semplicità dell’infanzia.

Con una fede matura e adulta noi vogliamo riconoscere, nel Bambino del presepio, la luce di questo mondo, vogliamo accogliere la vita che restituisce la speranza a questa civiltà pericolante e malata.

A lui ci affidiamo, e nel suo nome ci scambiamo gli auguri di gioia, di pace, di serenità, resi tangibili non dalle nostre parole più o meno sottolineate o ripetute, ma dalla forza della sua presenza che ci avvolge. Perché la nascita di questo Bambino ha cambiato ogni cosa».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*