Terni, presenza aree agricole di cinghiali è un serio problema

 
Chiama o scrivi in redazione


Cinghiali, si farà tavolo con tutte le associazioni per risolvere problema

Terni, presenza aree agricole di cinghiali è un serio problema

“La presenza di cinghiali in alcune zone della città, in particolare quelle al confine con le aree agricole o boschive, è un serio problema che è anche all’ordine del giorno del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Ho numerose segnalazioni di cittadini preoccupati per possibili incidenti stradali o addirittura aggressioni. Occorre che le autorità preposte intervengono con misure appropriate per garantire la pubblica incolumità. Proprio per questo ho presentato un atto di indirizzo”, dichiara il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi.

© Protetto da Copyright DMCA

“Esiste ormai da tempo il problema della presenza in alcune zone della città prossime al centro urbano di un elevato numero di cinghiali – scrive Michele Rossi – animali non sempre di piccole dimensioni, che  si avvicinano pericolosamente alle abitazioni ed entrano nei giardini privati arrecando danni. Costante è il pericolo per le persone oltre ad e ad essere causa di gravi incidenti stradali. I cittadini sono preoccupati e numerose sono state le petizioni fatte arrivare all’Amministrazione da parte dei residenti delle zone interessate.

“La Regione nei mesi scorsi – prosegue l’atto di indirizzo – ha annunciato la messa a punto di un nuovo piano di gestione del cinghiale in Umbria e che è ormai assodato che occorrono nuove strategie per incrementare gli abbattimenti e facilitare la drastica riduzione della specie laddove la presenza è incompatibile con l’attività agricola. Gli ambiti territoriali di caccia devono essere sollecitati ad incrementare gli abbattimenti, ad organizzare interventi sempre più incisivi”. “Si valuti, qualora realizzabili, anche strategie di contenimento che non coincidano necessariamente con l’abbattimento degli esemplari”.

Il documento presentato dal capogruppo di Terni Civica conclude chiedendo “un impegno dell’amministrazione comunale a seguire ancor più attentamente questo problema, sollecitando in maniera ancor più determinata chi di dovere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*