Piediluco Festival c’è: dal 20 luglio al 13 agosto 2020

 
Chiama o scrivi in redazione


Centro nautico di Piediluco, lavori potenziamento, Alessandrini al question time

Piediluco Festival c’è: dal 20 luglio al 13 agosto 2020

E’ stato presentato in sala Pirro a Palazzo Carrara, Piediluco Festival 2020 che, anche in questa edizione particolare, propone appuntamenti gratuiti con la musica a cura dell’associazione Mirabil Eco. La rassegna inizierà il 20 luglio per concludersi il 13 agosto e si svolgerà, a causa dell’emergenza sanitaria in atto, in ambienti esterni o semi aperti. “Dall’ottima riuscita sperimentata anche nella scorsa stagione – ha spiegato la direttrice artistica del festival Lucrezia Proietti – abbiamo pensato che la location migliore fosse quella dei giardini privati e sul lago e abbiamo saputo trasformare una difficoltà in un’opportunità”.

Da segnalare gli eventi del 24 luglio con “Orchestra in corso” Progetto 2020, concerto finale a cura di Simone Genuini e la partecipazione dello Young Ensemble; il 31 luglio, “First Meeting” con Sergio Sorrentino alla chitarra e Daniele Roccato al contrabbasso; il 12 agosto con “Il Tao dell’improvvisazione” a cura di Daniele Roccato. Evidenziati anche i successi  dei percorsi didattici con le Masterclass e docenti di alto livello dove partecipano per una settimana in residenza giovani selezionati tra i 13 ed i 17 anni.

“Ringrazio Lucrezia Proietti e l’associazione Mirabil Eco per lo sforzo aggiuntivo che hanno messo quest’anno nell’organizzazione di una manifestazione dove è protagonista la musica contemporanea più attuale del panorama concertistico, dichiara il vicesindaco e assessore alla cultura Andrea Giuli. Questa rassegna – continua Giuli – aggiunge un altro tassello importante all’offerta culturale del territorio che è partita con la proposta sui 250 anni del passaggio di Mozart a Terni, prosegue con Cinema Cielo all’anfiteatro romano, poi con la stagione teatrale di Carsulae a gli eventi a cura della cooperativa Le Macchine Celibi, gestore del Caos con l’obiettivo di offrire ai cittadini che rimangono a Terni un piacevole intrattenimento basato sulla qualità”.

Tutti i concerti di Piediluco Festival avranno luogo nel rispetto dei provvedimenti governativi di contenimento del COVID-19. L’ingresso è su prenotazione, subordinatamente al numero massimo di posti disponibili.
In allegato il programma 2020.

La dichiarazione della direttrice artistica Lucrezia Proietti:
Perché continuare a fare e ed ascoltare la musica classica? Che cosa possiamo fare oggi per la musica classica? E viceversa: che cosa può fare oggi la musica classica per noi? Sono le domande da cui prende le mosse la programmazione di quest’anno.  In un mondo saturo di informazione e segnato da un endemico deficit di concentrazione le ansie per il  futuro della musica classica sono diventate quantomai concrete.  Il dialogo con la musica è un rapporto continuo e sempre rinnovato, una comunicazione appassionata che intreccia i diversi linguaggi simbolici. Perché la musica classica? Innanzitutto per ascoltarla di fronte a coloro che la suonano, dal vivo. Cercheremo di mettere in luce i valori più profondi e originali di questa forma d’arte (per musica classica qui si intende quel corpus di musica non teatrale prodotta a partire dal Settecento e avente l’ascolto come unica finalità) e di  mostrare ciò che la musica classica, e solo essa, può ancora offrire all’uomo e  ciò che da lui richiede, in un dialogo interiore che trasforma entrambi. Per questo esploreremo, attraverso i vari stili proposti, argomenti come la natura della soggettività e il destino della melodia nel repertorio cameristico e nella musica da film, la conquista del tempo e il senso di mortalità nella canzone romantica, l’armonizzazione di umanità e tecnologia nella musica pianistica, la cura dell’attenzione e la liberazione dell’energia nel disegno sinfonico. La risposta al nostro perché è in realtà un invito alla difesa della qualità umana che in questa musica trova tuttora voce; la risposta è l’incanto di certe condizioni di esperienza, come quella dell’ascolto musicale, che hanno la capacità di innalzare il soggetto oltre se stesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*