Parrano, covid-19, scendono a tre i contagiati, ipotesi vaccini in 10 giorni

 
Chiama o scrivi in redazione


Parrano, sindaco Filippetti illustra fondi governo sostegno attività economiche

Parrano, covid-19, scendono a tre i contagiati, ipotesi vaccini in 10 giorni

“I sindaci dell’Alto Orvietano hanno varato un’ipotesi per fare i vaccini in 10 giorni a tutti. La proposta verrà indirizzata alla presidente della giunta regionale e a tutte le strutture deputate.

© Protetto da Copyright DMCA

Speriamo di avere una risposta positiva a breve, altrimenti ci organizzeremo autonomamente”. A dirlo è il sindaco di Parrano, Valentino Filippetti che fa riferimento alla riunione svoltasi due giorni fa fra i sindaci die comuni dell’area interessata.

“Il piano vaccini varato giorni fa dal governo invita a moltiplicare i centri vaccinali e noi lo faremo”, aggiunge Filippetti che coglie anche l’occasione per fare il punto della situazione sui contagi a Parrano.

“Ad oggi risultano tre persone interessate da covid-19- rende noto il sindaco – quindi l’esplosione pandemica che si era manifestata è stata quasi completamente riassorbita”.

Filippetti parla però di bilancio drammatico: “Piangiamo la perdita di Vittorio e subiamo le sofferenze e le complicazioni che hanno coinvolto dallo scorso anno 35 persone e i loro famigliari – dice – sappiamo come è cambiata la nostra vita, come si sono ridotti gli spostamenti e le relazioni. L’ amministrazione comunale – riferisce sempre il primo cittadino – ha cercato di mettere a disposizione tutto quello che aveva, sia come risorse materiali che umane. Speriamo di aver dato un contributo.

Dobbiamo ringraziare – sottolinea Filippetti – il distretto sanitario, i medici e gli infermieri, tutto il nostro personale a cominciare da Fabio, Leonella e Alessandra. I consiglieri comunali, tutti, senza distinzioni politiche. Ora si affaccia uno spiraglio, quello dei vaccini. E’ inutile dire che siamo in ritardo”, conclude

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*