Volley, dopodomani Sora, Max Colaci, importante portare a casa i tre punti

Squadra al lavoro oggi al Palazzetto di Santa Maria degli Angeli, stante l’indisponibilità del PalaEvangelisti

[13].Massimo COLACI

Volley, dopodomani Sora, Max Colaci, importante portare a casa i tre punti

PERUGIA – Seduta tecnica pomeridiana per la Sir Safety Conad Perugia. Piccola trasferta per i ragazzi del presidente Sirci oggi perché l’allenamento pomeridiano dei Block Devils è in programma al palazzetto dello sport di Santa Maria degli Angeli, stante l’indisponibilità del PalaEvangelisti.

È l’antivigilia della sesta di ritorno di Superlega per la formazione di Lorenzo Bernardi attesi domenica dal testacoda con l’attuale fanalino di coda del campionato, la Biosì Indexa Sora di coach Barbiero. Match che Perugia deve affrontare al massimo senza abbassare la guardia per portarsi a casa l’intera posta in palio e poter poi preparare al meglio la Final Four di Coppa Italia del prossimo fine settimana al PalaFlorio di Bari.

“Con Sora domenica sarà la classica gara dove loro non avranno nulla da perdere e giocheranno a braccio sciolto e mente libera”, dice Massimo Colaci. “Tutta la pressione, come è giusto che sia, sarà su di noi, dobbiamo pensare a vincere e portare a casa i tre punti perché se vogliamo vincere la regular season queste gare non le possiamo sbagliare”.

Il match d’andata, si giocava a Frosinone, segnò il primo set perso in Superlega da Perugia che dovette dar fondo a tutte le sue qualità per conquistare la vittoria.

“Ci ricordiamo bene il match d’andata  – prosegue Colaci – quando Sora ci mise in difficoltà. Siamo consapevoli che anche domenica sarà, come sempre in Superlega, una partita complicata”.

Perugia torna a riassaporare il calore e la sicurezza delle mura amiche del PalaEvanglisti dopo due settimane e dopo un lungo viaggio con tre trasferte consecutive tra campionato e Champions. Trasferta pesante come dispendio di energie psico-fisiche, ma il libero bianconero pensa solo il prossimo match.

“È vero, veniamo da una lunga trasferta di nove giorni con tre partite sudate, combattute e fortunatamente vinte. Magari è possibile domenica non essere fisicamente al top, ma poche scuse, con Sora dobbiamo portarla a casa e restare in cima alla classifica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*