Sir Safety, battuta Modena in gara 3 nel tripudio del PalaBarton

Sir Safety, battuta Modena in gara 3 nel tripudio del PalaBarton
22 aprile 2019 - Foto: [Riferimento file: 2019-04-22/NZ6_2820]

Sir Safety, battuta Modena in gara 3 nel tripudio del PalaBarton

PERUGIA – Succede di tutto al PalaBarton! Succede che la Sir Safety Conad Perugia vince in rimonta gara 3 delle semifinali scudetto, difende il proprio campo e si porta in vantaggio 2-1 nella serie che assegna un posto in finale. Succede soprattutto l’incredibile nel terzo parziale, con le due squadre un set pari. Succede che Modena scappa via inesorabilmente fino al 10-19 sembrando avviata verso la conquista del set. Succede soprattutto che Perugia ci crede, che rosicchia un punticino alla volta, spinta dal servizio e dal tifo del pubblico. Succede che arriva fino al 22-24 annullando poi due set point agli avversari. Succede alla fine che De Cecco infila l’ace del 27-25 con Pian di Massiano che si incendia!

Succede ancora che nel quarto set chi si aspetta una Modena arrendevole sbaglia di grosso perché gli emiliani se la giocano ancora a viso aperto. Perugia ha però imboccato la strada che porta alla vittoria con la firma finale di Leon che chiude i giochi. La bellezza della pallavolo!

Due ore di match equilibrato nel giorno di Pasquetta. Numeri simili per le due squadre in attacco (56% contro 52%), in ricezione (positiva di Perugia al 37%, per Modena 38%) ed a muro (6 dei padroni di casa, 7 per gli ospiti). La vera differenza la fa, ancora una volta in questa stagione, la battuta dei Block Devils che trovano 9 ace (contro i 3 degli avversari) e soprattutto tante serie fondamentali per portarsi a casa la vittoria.

Leon è il miglior realizzatore nella metà campo bianconera con 24 palloni vincenti (con 3 ace ed il 60% in attacco), Atanasijevic è l’Mvp strameritato per i suoi turni dai nove metri e per come mette a terra 19 punti, ma soprattutto tutti quelli delicati. Doppia cifra anche per Podrascanin con 11 punti (3 muri, 2 ace ed il 75% sotto rete), lavoro duro e basilare per Ricci e Lanza, per capitan De Cecco e per un Colaci che ormai non fa più notizia.

Il fattore campo resta intatto ed è un segnale importante in una serie che si conferma incredibilmente equilibrata.

Una serie che ora ritorna al PalaPanini giovedì 25 aprile alle ore 16:00 (e diretta Raisport) per gara 4. Sarà durissima, ma il cuore dei ragazzi, quel cuore che stasera è stato la vera e propria arma in più, non mancherà di certo!

IL MATCH

Formazione tipo per Bernardi. Primo break per Modena con il muro di Urnaut (2-4). Lo stesso Urnaut attacca out (5-5). Non si schioda il punto a punto (8-8). Contrattacco di Atanasijevic (9-8). Tornano avanti gli ospiti con Zaytsev (10-11). +3 Modena dopo due errori di Leon (12-15). Podrascanin accorcia (14-15). Mette anche l’ace il centrale serbo e pareggia (16-16). Atanasijevic mantiene l’equilibrio (19-19). Break degli emiliani con Zaytsev (20-22). Muro Modena e set point (21-24). Fuori Leon, il primo set è degli ospiti (21-25).

Gli attacchi e gli ace di Atanaisjevic marchiano a fuoco l’inizio del secondo set (7-3). A segno anche Lanza (9-3). Ace di Christenson (10-6). Due di Podrascanin (12-6). Modena dimezza lo svantaggio complici un paio di incomprensioni nella metà campo bianconera (15-12). Perugia tiene il vantaggio e con il muro di Ricci si porta a +4 (21-17). Leon vola sopra il muro (23-17). Ancora Leon, set point per i Block Devils (24-17). Fuori Bednorz, si torna in parità (25-17).

Modena scappa via in avvio di terzo set (2-6). Ace di Holt (3-8). Dentro Berger. Prosegue la serie di Modena (4-11). Torna Leon. Rottura prolungata nella metà campo bianconera (4-13). Perugia sistema il cambiopalla, ma non riesce ad avvicinarsi (10-19). Succede poi che i padroni di casa trovano l’incredibile rimonta e mettono tutto in discussione (24-24). Lanza trova il set point (25-24). Annulla Holt (25-25). Atanasijevic va a segno in diagonale e l’ace di De Cecco manda in estasi il PalaBarton (27-25).

Caricata dal proprio pubblico Perugia parte a mille nel quarto set. Atanasijevic va a segno in attacco e due ace di Leon firmano il 7-2. Modena rientra (7-5). Non c’è invasione e le due squadre tornano a contatto (8-7). Fallo fischiato a De Cecco, si torna in parità (8-8). Leon firma il break (14-12). Fuori Bednorz (16-13). Leon mantiene il vantaggio (18-15). Bednorz riporta Modena a contatto (19-18). Si gioca punto a punto (22-21). Atanasijevic va a segno (23-21). Muro di Podrascanin, è match point (24-21). Zaytsev annulla (24-22). Chiude Leon! (25-22).

I COMMENTI

Fabio Ricci (Sir Safety Conad Perugia): “Nel terzo set non so cosa sia successo. Eravamo sotto 10-19 e ad un passo dal baratro. Poi dopo un punticino alla volta abbiamo ripreso il parziale e l’abbiamo spuntata ai vantaggi. Oggi era importante vincere e mantenere il vantaggio del campo”.

Micah Christenson (Azimut Leo Shoes Modena): “Dobbiamo imparare dai nostri errori, ma il terzo set ci fa molto molto male. La vittoria parla, dobbiamo essere noi a dover parlare in campo e dimostrare di saper giocare una pallavolo migliore, senza nasconderci dietro il “giochiamo meglio ma la loro battuta è incredibile”. Abbiamo dimostrato di essere al loro livello, ma ci manca quel passo in più per chiudere i set quando ne abbiamo la possibilità”.

IL TABELLINO

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – AZIMUT LEO SHOES MODENA 3-1

Parziali: 21-25, 25-17, 27-25, 25-22

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 3, Atanasijevic 19, Podrascanin 11, Ricci 6, Leon 24, Lanza 6, Colaci (libero), Piccinelli, Hoag, Seif, Berger. N.e.: Della Lunga (libero), Hoogendoorn, Galassi. All. Bernardi, vice all Fontana.

AZIMUT LEO SHOES MODENA: Christenson 2, Zaytsev 14, Mazzone 2, Holt 8, Urnaut 9, Bednorz 17, Rossini (libero), Tillie 1, Kaliberda 2, Anzani. N.e.: Benvenuti (libero), Pinali, Keemink, Pierotti. All. Velasco, vice all. Cantagalli.

Arbitri: Roberto Boris – Gianni Bartolini

LE CIFRE – PERUGIA: 21 b.s., 9 ace, 37% ric. pos., 16% ric. prf., 56% att., 6 muri. MODENA: 20 b.s., 3 ace, 38% ric. pos., 17% ric. prf., 52% att., 7 muri.

Rassegna stampa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*