Perugia next generation contro Juve NG oggi al Curi

Prestigiosa vittoria del Perugia Primavera che rifila quattro reti al Napoli

Perugia next generation contro Juve NG oggi al Curi

di Gianluca Drusian
Allo stadio Renato Curi di Perugia si gioca oggi, ore 16.15, una partita strana pur facente parte della 28ma giornata del campionato di serie C, girone B. A Pian di Massiano arriva, infatti, la Juve under 23 anche denominata Juve Nex Generation, seconda squadra della più famosa “Signora” del calcio italiano, creata solo pochi anni fa (era il 2018) per poter ufficialmente valorizzare il capitale umano proveniente dal settore giovanile bianconero.

Ma, nella realtà dei fatti succedutesi, tale obiettivo non sembrerebbe poi essere stato mantenuto in pieno in quanto la società sembrerebbe operare sul mercato come se fosse una società qualsiasi così da far sorgere dubbi sulla necessità, sulla utilità della presenza di tale “creatura” in seno ad un campionato professionistico quanto anche sulla realizzazione del suo intento originario.

Tuttavia, alla fine del campionato e, soprattutto, alla fine dei novanta minuti di gioco, i punti in palio sono gli stessi qualora il Perugia dovesse affrontare un’altra delle squadre del girone. Quindi, per il gruppo allenato da mister Formisano, arrrivare a portare a casa il massimo del punteggio, dovrebbe rappresentare un obiettivo da raggiungere utilizzando giovani o meno giovani a seconda di chi si dovesse rendere più affidabile nella conquista di tale traguardo.

I convocati del mister biancorosso, 23 in totale, risultano essere composti da ben 10 giovani talenti con il soltanto Seghetti destinato ad essere tra i titolari di inizio gara. Per gli altri, da Cudrig a Giunti ci sarà forse spazio nel corso della partita mentre per lo stesso Giunti, Viti e Polizzi (oggi non convocato per affaticamento) in settimana è arrivata anche la prima firma del primo contratto da professionisti. Il resto dei convocati vede la presenza in gruppo di Matos ed il rientro di Bartolomei mentre saranno assenti Kouan squalificato e Ricci oltre che Angella, Vulikic, Bozzolan e Vazquez.

Il mister Formisano, in fase di pregara, non ha voluto rilasciare nessuna intervista (a dimostrazione della importanza e delicatezza nel dover affrontare la più scudettata d’Italia) quindi sulla formazione di inizio gara non c’ è stata nessuna anticipazione. E’probabile che il 3-4-1-2- possa essere il modulo prescelto con Matos sulla tre quarti dietro i due attaccanti Seghetti-Sylla.

Per quanto riguarda la squadra juventina (fa un pò effetto parlare di Juventus riferita a questa formazione), il mister Brambilla dovrebbe riproporre quel 3-5-2 che, da inizio del 2024, è riuscito a far portare in bisaccia ben cinque vittorie e tre pareggi in otto gare.

La formazione iniziale bianconera dovrebbe essere, quindi: Daffara, Stivanello, Muharemovic, Stramaccioni, Comenencia, Salifou, Damiani, Hasa, Rouhi, Guerra, Cerri. Non c’è che dire: questa sì che è la Juventus, la più amata d’Italia tanto che, per vederla oggi giocare c’ è da scommeterci ci sarà il pienone delle vecchie occasioni (o forse più probabile il minimo storico in assoluto di tutti i tempi).

Agli ordini del sig. Giorgio Vergaro di Bari scenderanno quindi in campo:
Perugia, Adamonis, Dell’Orco, Mezzoni, Lewis, Paz, Iannoni, Torrasi, Lisi, Matos, Seghetti, Sylla e, nel secondo tempo, tenuto conto della possibilità che ci sia qualche osservatore del mister Allegri in tribuna, sarà la volta di Yimga, Viti, Lickunas, Cicioni, Souarè, Agosti, Lomangino, Giunti, Seghetti, Cudrig.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*