Il Giro dell’Umbria non si ferma, nonostante il Covid

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Giro dell'Umbria non si ferma, nonostante il Covid

Sport – Il Covid non ferma il Giro dell’Umbria
Presentate le quattro tappe della 18° edizione. Ignozza (Coni): “Lo sport in Umbria sta lanciando segnali molto forti”

(Cittadino e Provincia) – Perugia, 24 settembre ‘20 – L’emergenza sanitaria non ferma gli organizzatori del Giro podistico dell’Umbria a tappe.
In un’insolita versione autunnale la diciottesima edizione, presentata questa mattina in conferenza stampa in Provincia, avrà luogo dal 1° al 4 ottobre.
Inizialmente prevista nella sua collocazione abituale di aprile, torna dunque a prendere forma una manifestazione sportiva che affonda le sue radici in un passato lontano.
Una scelta dettata dal coraggio e dalla determinazione dei promotori e delle Amministrazioni locali interessate dal percorso, come sottolineato questa mattina dal presidente del Coni regionale Domenico Ignozza e dal presidente di Fidal Umbria Carlo Moscatelli.

“La maglia celebrativa di questa edizione è verde – ha spiegato l’organizzatore Sauro Mencaroni mostrando la nuova t-shirt – non solo come richiamo all’Umbria ma anche come messaggio di speranza. Non saremo certo in grado di raggiungere i numeri delle precedenti edizioni, ma già i quasi 150 iscritti ci fanno essere molto soddisfatti”.
Il Giro dell’Umbria 2020 partirà da Bastardo, dove alle ore 17:00 scatterà la prima tappa di 11,5 km; il giorno successivo alla stessa ora il teatro di gara sarà Città della Pieve per una tappa di 9,2 km; sabato 3 sempre alle 17:00 terza tappa a Magione (10,1 km). Infine domenica 4 ottobre la conclusione del Giro a Tuoro sul Trasimeno, con il via alle ore 10:00, per l’ultima prova di 11,4 km. Sommando i km delle varie tappe si andrà a completare un’autentica maratona di 42,2 km che eleggerà come sempre il più resistente e dotato di capacità di recupero.

“Il Giro dell’Umbria non si è arreso al Covid”, ha sottolineato anche il consigliere provinciale Jacopo Barbarito in apertura di conferenza stampa, parlando di una manifestazione di grande valenza. “Questo è un momento molto particolare – ha fatto osservare Ignozza – in cui c’è bisogno di segnali forti che devono venire da un mondo fatto di regole. E il nostro lo è. Sicuramente questa è una manifestazione che mette al centro la sicurezza e il benessere dell’atleta”. “Con il concorso di tutti – ha dichiarato Moscatelli – stiamo dimostrando che certi eventi si possono realizzare”.

Alla conferenza stampa hanno preso parte il sindaco di Giano dell’Umbria Manuel Petruccioli, la presidente della pro loco “Vivi il paese” Francesca La Rocca, il vicesindaco di Tuoro Thomas Fabilli e il presidente dello Csen Giuliano Baiocchi.
La manifestazione è inserita nel calendario nazionale Fidal e naturalmente sarà allestita in piena ottemperanza delle disposizioni sanitarie previste. Per informazioni 347.4416086, oppure sul sito www.dreamrunners.it.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*