Vuole chiedere lo sconto Tari, ma non ha lo Spid, anziana chiede aiuto

Vuole chiedere lo sconto Tari, ma non ha lo Spid, anziana chiede aiuto

Una signora, residente a Perugia, vorrebbe richiedere lo sconto Tari, ma non sa come fare. Ha mandato un messaggio su Messenger al sindaco di Perugia chiedendo aiuto, ma non ha risposto. La donna si è rivolta a noi chiedendo se era possibile pubblicare questo messaggio per il sindaco.

“Gentile Sindaco di Perugia, oggi mi sono scontrata con le nuove normative per la richiesta del bonus Gesenu per le fasce deboli. Sono una pensionata e ho un’età in cui non è facile svolgere tutte queste difficili novità per avere un’aiuto. Ho un telefonino da 20euro e per avere lo SPID non va bene. Con 650 euro di pensione dovrei comprare un cellulare idoneo? Il sistema  è così astruso e complicato che diventa impossibile fare la richiesta, anzitutto questo sembra un deterrente volto a complicare sempre più l’avvicinamento agli aiuti. Non avete pensato alle persone anziane? Alla difficoltà in cui si troveranno? Non c’è nessun ufficio preposto per dare una mano ad una fascia di persone di altra generazione. Sono molto dispiaciuta e in sintesi non sono in grado di inviare la richiesta e la cosa mi metterà insomma difficoltà considerato che ci saranno aumenti nelle bollette e prima di ciò era già difficile andare avanti. Le sembra giusto? Saluto e ringrazio”.

2 Commenti

  1. Ma il Sindaco dove è andato? Non se ne sente più parlare. Perugia ha bisogno di risposte alle tante problematiche che ci sono

  2. La lettera della Signora mette in chiara luce quanto da tempo dico, e scrivo, sul “BUROSAURO”. La burocrazia italiana, che è il cancro della nostra società, sta distruggendo il Paese. Non solo complicando in modo assurdo la vita di tutti gli italiani, ma non riconoscendo i “diritti civili” a una parte dei Cittadini. Con lo SPID, ad esempio, il “burosauro” ha diviso gli italiani in due categorie: quelli di serie A che, potendo acquistare un PC o uno smartphone sono in grado (e non tutti, specialmente i non più giovani) di utilizzare lo SPID e quelli di serie B che invece, vuoi per l’età avanzata, vuoi per la mancanza di risorse economiche per acquistare quantomeno uno smrtphone, sono tagliati fuori, sono emarginati, sono considerati una nullità, addirittura un peso per la collettività non essendo in grado di adeguarsi alle “novità” (nella fattispecie all’informatizzazione). Un monito a questi “geniali burocrati” : un giorno anche voi diventerete anziani! Questa è una società che non ha rispetto per gli anziani e/o per i non abbienti non riconoscendo loro i diritti che spettano a TUTTI i Cittadini. E’UNA VERGOGNA, un’offesa all’intelligenza. Trattare i Cittadini come fossero sudditi è da paese incivile. I burocrati che esercitano il potere sopraffattorio, quindi vessatorio, su una larga parte della Società civile andrebbero mandati a casa a pedate. Il “burosauro” fa più danni di qualsiasi pandemia. E mi fermo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*