Umbertide città “zerobarriere”

Disabilità

 disabili~1(UJ.com3.0) UMBERTIDE – Il Comune di Umbertide e l’associazione “La Pantera” insieme per l’abbattimento delle barriere architettoniche. A breve si darà infatti concreta attuazione alla convenzione stipulata nel 2011 tra l’Amministrazione comunale e l’associazione presieduta dall’ing. Mario Tosti finalizzata ad eliminare le barriere architettoniche presenti in vie e piazze della città. Tale convenzione prevede non solo di adeguare gli spazi pubblici alla normativa vigente in materia ma va oltre, partendo dall’esperienza di chi è costretto su una sedia a rotelle, secondo la filosofia “Zerobarriere” ideata dall’Istituto del Marchio di qualità Zerobarriere nato proprio ad Umbertide con il fine di ridurre le condizioni di svantaggio dei diversamente abili certificando l’adeguatezza delle soluzioni adottate.

Nel corso del 2013 verrà quindi elaborato un progetto pilota che interesserà una zona specifica della città e che verrà utilizzato anche per altri interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, nell’ambito di una ricognizione che i tecnici di Zerobarriere hanno concordato con l’ufficio tecnico del Comune di Umbertide e le persone diversamente abili. Nell’eliminare le barriere architettoniche si terranno in considerazione le esigenze non solo di chi è costretto sulla sedia a rotelle ma anche di chi è affetto da altre tipologie di disabilità come ad esempio gli ipovedenti, migliorando al contempo la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

L’obbiettivo, ambizioso, è quello di fare di Umbertide una città “zerobarriere”, ovvero totalmente accessibile, partendo da “isole Zerobarriere” che, a poco a poco, si estenderanno a macchia d’olio. Inoltre si sta verificando anche la possibilità di attivare dei corsi di formazione rivolti al personale degli uffici tecnici delle Amministrazioni Comunali del territorio.

L’associazione La Pantera e l’Istituto del marchio Zerobarriere intendono quindi ringraziare l’Amministrazione Comunale per l’impegno a favore dell’abbattimento delle barriere architettoniche. “Esprimiamo la nostra gratitudine al Comune di Umbertide per questo importante passo verso una città accessibile a tutti – hanno detto – D’altronde la scelta di Umbertide per il progetto pilota non è stata casuale, ma è motivata dal fatto che ad Umbertide è nato l’istituto Zerobarriere e che in città è presente l’istituto Prosperius, uno dei più importanti centri di riabilitazione a livello nazionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*